Autore:
M.A. Corniche

THINK DIFFERENT Che noia queste auto tutte uguali, piene di pieghe e con la faccia ingrugnita. Fatta eccezione per qualche perla dallo stile originale, per avere l’auto differente da quella del vicino bisogna ricorrere ai programmi di personalizzazione e lavorare su tinte speciali, rivestimenti interni esclusivi e colorazioni bicolore. E, prezzo a parte, per distinguersi a volte non basta un naso rosso da clown. Una strada per uscire dall’anonimato e provare il gusto di guidare un’auto differente dalla mischia c’è, costa poco nell’acquisto e nel mantenimento ma richiede un poco di passione e un poco di impegno. È l’auto storica.

LA SCELTA GIUSTA Sfogliando tra gli annunci di auto ultreventennali, quelle che godono di trattamenti agevolati per l'assicurazione e, in alcune regioni (come la Lombardia, dove risiedo), anche per il bollo, si scoprono vecchie glorie a cui il passare del tempo ha fatto soltanto bene, aumentandone il fascino. Certo, scegliere quella giusta non è facile come entrare da un concessionario, scegliere colore e accessori e staccare l’assegno. Richiede innanzitutto un lavoro di ricerca del modello e dell’esemplare giusto, un gioco per un appassionato. E poi rendere l’auto più moderna possibile e adatta a un uso non quotidiano ma tuttofare richiede un lavoro di manutenzione e di attualizzazione. Un altro bel gioco per un appassionato.

AVVENTURA SENZA FINE In questo speciale potete seguire la storia di una storica, dalla scelta del modello alla ricerca dell'esemplare giusto, dai primi lavori indispensabili fino al successivo affinamento per renderla sempre più vicina alle auto moderne per piacere di guida, affidabilità e, soprattutto, sicurezza. Per rendere il giocattolo utulizzabile senza troppe remore e poterselo godere non soltanto per il giretto domenicale ma in ogni situazione. Questo è soltanto l'inizio dell'avventura che, come tutti gli appassionati sanno, è un'avventura senza fine perchè le storiche, come tutte le auto, hanno bisogno di attenzioni e perchè il gioco sta anche nel continuare il progetto in ogni dettaglio. Come questo speciale, che si aggiornerà con le prossime evoluzioni del progetto. 


TAGS: Mi faccio l'auto storica