Autore:
Andrea Rapelli

GUERRIERO DEL DESERTO A chi pensa che sia una suv buona solo per l'aperitivo e per farsi vedere fra le vie del centro, ecco qui la Range Rover Evoque Desert Warrior 3, dal nome piuttosto evocativo. In pratica, si tratta di una versione totalmente rivista per partecipare nientepopodimeno che alla Dakar e, in genere, a tutti i rally-raid.

FA SUL SERIO Della Evoque originale, l'avrete capito, è rimasto ben poco oltre alle forme della carrozzeria. Perché la Range Rover Evoque Desert Warrior 3, pensata per battagliare nella categoria FIA T3 e costruita dalla British Cars Race Rabe, ha un telaio realizzato su misura in acciaio T45, per proteggere pilota e navigatore nelle difficili prove africane e offrire una rigidezza strutturale degna di nota. Non solo: sotto il cofano scalpita un 3 litri biturbodiesel in grado di erogare (secondo le tarature) tra 275 e 300 cv, accompagnati da 850 poderosi Nm di coppia.

COMBINATA BENE Per un'autonomia adeguata ai lunghi tapponi desertici, la Range Rover Evoque Desert Warrior 3 è stata dotata di un super-serbatoio da 260 litri, che le consentono di evitare rifornimenti per ben 1.200 km. Le gomme BFGoodrich Desert Race G, su cerchi da 16” Compomotive Atacama Rally Raid sono in grado di resistere a diversi tipi di forature mentre gli ammortizzatori (coilover specialistici della Reiger) sono degli ottimi compagni per resistere al duro mondo delle dune. Il compito della squadra Excite Rally Raid, che vedete nella gallery, è quello di affinare il comportamento della Desert Warrior in vista del debutto alla prossima Dakar.


TAGS: rover range evoque desert warrior raid