Digg Facebook Twitter Feedburner

Cinesi in arrivo: Ming, che macchine!

Data: 16 Settembre 2005 15:27:52
Autore: Paolo Sardi

Look Anni 80, interni spartani e prezzi da outlet. Le cinesi, intese come auto, sono sbarcate in Europa al Salone di Francoforte, dove le abbiamo viste e toccate. Presto le vedremo anche su strada. Meglio quindi iniziare a conoscerle più in dettaglio, perché tra non molto ci saranno anche loro nei nostri "sogni". Ecco come si chiamano e come sono ...


Cinesi in arrivo: Ming, che macchine!
LASCIA IL SEGNO L'edizione 2005 del Salone di Francoforte ha almeno due ottimi motivi per lasciare il segno e per fare discutere a lungo sia gli addetti al lavoro sia i profani del settore. Il primo è l'incredibile numero di novità che popola gli sconfinati stand della fiera, a riprova del fatto che la crisi di cui molti si lamentano è probabilmente meno nera di come la si dipinge. Il secondo è la presenza, seriamente organizzata e numericamente rilevante, di espositori cinesi.

IN GRANDE STILE Per loro niente più ministand messi su alla bell'e meglio come le bancarelle di pentole a una fiera paesana. Al loro posto aree più estese e attrezzate, con personale in alta uniforme e hostess. Uno spiegamento di uomini e mezzi impossibile da non notare nel pur congestionato padiglione 4, halle in cui gli organizzatori tedeschi hanno confinato tutti i marchi di Pechino e dintorni. Una scelta, questa, che facilita il doveroso passaggio in rassegna delle truppe dell'avanguardia cinese.

CAPODANNO CINESE Nel tour perlustrativo è impossibile non dare la precedenza alla Geely, se non altro per il richiamo esercitato dagli spettacoli chiassosi inscenati sullo stand. Con tamburi e abiti sgargianti a tenere banco, mancano solo il dragone animato e i mortaretti per dar vita a una sorta di Capodanno fuori stagione. Personale gentile, sorrisi e mezzi inchini per la consegna di un catalogo sostanzioso ma di fattura alquanto dozzinale.

CHIUSI FUORI Di salire sulle auto esposte, non se ne parla nemmeno; tutte hanno le portiere chiuse, neanche dessero accesso alla Città Proibita di Pechino. A spiaccicare il naso sui finestrini e a dare una sbirciatina si notano abitacoli dalle forme essenziali, con pannelli e rivestimenti abbastanza spartani. L'una per l'altra, le Geely, cui mancano ancora una rete commerciale e un listino europei, non hanno grande appeal, anche se l'assortimento non manca.

PER TUTTI I GUSTI La gamma presentata, in cui fanno da comun denominatore tinte vistose e cerchi lucidati a specchio, si apre con l'utilitaria HQ, disponibile a due volumi, a due volumi e mezzo e station wagon, con motori a benzina 1.0 e 1.3 e un look Anni 80. Un gradino più sopra c'è la MR, simile nelle dimensioni (380 cm la 5 porte, 415 la 4 porte), ma di foggia più moderna e con una coda tutto sommato gradevole, un po' in stile Kalos. Per la cinque porte i motori a catalogo sono due, 1.3 e 1.5, affiancati sulla berlina anche da più piccole unità 1.0 e 1.1.

SEMPRE PIU' IN ALTO Il livello sale con la CK che, lungi dal voler essere un tributo a Calvin Klein, svolge in modo diligente e discreto il tema della berlina moderna con motori 1.3, 1.5 e 1.6. Punta di diamante della famiglia è invece un'altra tre volumi, la Marindo 1.5. Lunga 444 cm, è offerta con il marchio Maple e ha una variante a cinque porte chiamata Hisoon, la cui linea riporta alla memoria la Citroën ZX. Chiudono il gruppo il pick up PU su base MR e la BL, un'improbabile coupé con prese d'aria anteriori che ricordano le narici di un drago.

EQUILIBRATISSIMA Tutt'altra scena, invece, allo stand della Euromotors, importatore per la Germania della Brilliance Zhonghua. Con un muso vagamente ispirato alle forme Lancia e un posteriore di taglio tipicamente orientale, la Zhonghua ha ben poco da invidiare alle rivali di ogni latitudine in fatto di equilibrio della linea e di modernità. La sua non è forse una personalità spiccata ma da qui a dire che è brutta ce ne passa, eccome. Qui manca la cartella stampa ma non c'è alcun problema a entrare e accomodarsi nell'abitacolo.

OK, IL PREZZO E' GIUSTO Una palpata rivela che la plancia è realizzata con materiali di buona qualità, piacevoli alla vista e al tatto. Gli assemblaggi non sono realizzati con cura degna dei mastri orologiai svizzeri ma a far chiudere un occhio sulla cosa provvede l'abbondanza di spazio a disposizione, tanto nella zona anteriore quanto in quella posteriore. La Zhonghua è venduta regolarmente in Germania a prezzi da hard discount. La versione base 1.8 costa poco più di 15.000 euro e il top della gamma, la 2.4 automatica non supera i 20.000 euro. Roba da farci un pensierino molto serio, facendo spallucce per il fatto di dover rinunciare al diesel. Anche se restano le incognite sul comportamento stradale e sulla sicurezza.

GIA' VISTA Quella dei prezzi stracciati è la politica anche della Landwind, che propone una fuoristrada nella cui linea solo un miope alla Mister Magoo faticherebbe a vedere una somiglianza con la prima Frontera. Monetina più, monetina meno, anche qui i prezzi vanno dai 15.000 euro della due litri a benzina a due ruote motrici ai 20.000 della 2.8 a gasolio con trazione integrale inseribile, come spiega un depliant assai sintetico.

DA BATTAGLIA In questo caso, però, bisogna mettere sulla bilancia, oltre al costo contenuto anche una qualità costruttiva a dir poco deludente. La lamiera pare sottile, più da latta dei pelati che non da Suv, come testimonia anche il risultato infame ottenuto in un recentissimo crash test svolto dall'Adac tedesco. Gli arredi non sono meglio, con plastiche lucide e croccanti e pannelli accoppiati in modo approssimativo. Qualcosa di accettabile giusto per chi cerca un'auto da battaglia, da trattare senza troppi riguardi. Quasi da non credere che venga dalla stessa terra dei vasi Ming.

FUTURO INCERTO C'è dunque da realmente da temere per un'imminente invasione da parte delle auto cinesi? A parte il fatto che per il momento nessuna di queste proposte bussa ancora con convinzione alla frontiera italiana, la risposta più giusta è un salomonico "ni". Nel complesso la sola Brilliance ha già imboccato la strada giusta, mentre il resto delle proposte esposte a Francoforte sembra ancora troppo lontano dagli standard e dai gusti europei per poter sfondare giocando solo sul fattore prezzo. Per le Case europee pare ci sia così il tempo necessario per organizzare le difese sul fronte orientale. Meglio però non prendere la questione sotto gamba: il prezzo da pagare potrebbe essere maledettamente alto.

Autore: Paolo Sardi
Data: 16/09/2005 15:27:52

bella quando che esce??? Inviato da: dai
kymco xciting 500 variatore polini Ho mantato il variatore della polini sul mio scooter è una favola va benissimo Inviato da: enzo
Dottor ferma che stai a di se il caro dottor ferma ci da una mano economicamente acquisteremo tutti bmw...w le auto economiche peccato solo per la linea un po retrò..ma i prezzi in italia saranno piu alti con tutte le tasse d importazione che palle... Inviato da: lord
Poverini ...grazie a gente come voi paghiamo le macchine così tanto... saluti cinesi Inviato da: pippo33
Gelato flitto Ming come Minghia ke macchine!!! I pezzi di ricambio dove si troveranno, nei migliori ristoranti? Inviato da: d75
ha ragione light!! caro dottore Ferma......non può assolutamente dire che le macchine economiche andrebbero bandite dal mercato!che ragionamento è!?ha fatto anche un'esempio come lexus o mercedes se non sbaglio......accidenti!!!!!!le dovrò spiegare allora che la quantità del portafoglio cambia a seconda dei soggetti e nn siamo tutti "pronti" ad acquistare una auto a questi livelli!cmq sono contrario anche al fatto che le macchine economiche non sono sicure......faccio un esempio...lasciamo stare i gusti pero!stiamo parlando esclusivamente di sicurezza!la fiat panda....non è sicura!?è sicurissima!!!!!ha tutto......tutti gli airbag l'esp, l'abs....il tutto ad un costo massimo di 12-13.000 euro.....ci pensi bene al discorso che ha fatto prima!!!!!!!ciao ciao! Inviato da: edo - 01/08/2006 02:32:02
Per Dott. Eh già, il signore vuole essere l'unico a girare.... Inviato da: Light
Entreranno nel mercato L'auto è un prodotto come tanti altri. Soggetto a delle sue regole ma non per questo immune dal fattore prezzo. Naturalmente i primi modelli dovranno scontare tutti gli aspetti negativi dovuti al "brand cinese" ma in campo commerciale il traguardo minimo è a 10 anni, da lì è il vero punto di partenza. La domanda quindi è: immaginatevi le macchine cinesi tra dieci anni. Non fatevi illusioni sulla qualità, i cinesi sono capaci di produrre esattamente quello che gli richiedete (come d'altronde qualsiasi nazione civilizzata) ma a prezzi assai inferiori (tutela della forza lavoro praticamente insistente, alla faccia del comunismo che dovrebbe difendere il popolo - ma a questo oramai ci crede solo Bertinotti... o no-). In poche parole non si può combattere con una nazione come la Cina dove il sociale non ha tutele. Il problema semmai è del nostro sistema capitalistico che tende a far sì che anche in Europa si vengano a creare le condizioni di lavoro esistenti in Cina. Inviato da: Sandro Belli
Ma siete seri?? Avete ragione i cinesi fanno solo schifezze ecco perche come tecnologia , e ricerca sono migliori di noi!!! Difatti prodotti come Apple , Nokia , Creative , Ibm , ..eccetera Sono prodotti cosi schifosi che costano un'occhio e vengono prodotti in Cina !!! Ragazzi ma seconodo voi una nazione che produce delle schifezze come faceva veramente la Cina 20 o 30 anni fa potrebbe mai superare l?italia e la francia come GDP???? Comunque devo dire che tutto questo nazionalismo e quasi commuovente ... Mi avete quasi convinto compro la FIAT che come qualita' e paragonabile ad una LEXUS o BMW !!! Inviato da: red
commenti stupidi IO penso che le auto economiche dovrebbero essere vietate, le cinesi e le coreane che non hanno requisiti di sicurezza. Le auto sono un bene di lusso, per cui se uno non può permettersi un'auto nuova sicura, come Audi WW o Mercedes, dovrebbe optare per utilizzare mezzi di trasporto alternativi, perchè le auto usate scassate sono un pericolo non solo per chi le guida (fatti suoi) ma anche per gli altri. Inviato da: Dott. Ferma
Totale pagine 13 | Pagina: 1

Vedi anche

SALONE DI FRANCOFORTE 2005
L'elenco aggiornato
Chang'an EADO: un futuro anche in Europa?Chang'an EADO: un futuro anche in ...
Dall'estate la Chang'an EADO sarà a listino in Cina

Home | Prove su strada

Jeep RenegadeJeep Renegade
Piccola, grande Jeep Renegade
Nuova Renault TwingoNuova Renault Twingo
Con 5 porte e motore e trazione posteriori, la Nuova Renault ...
McLaren 650S SpiderMcLaren 650S Spider
Tra i cordoli come in città, la McLaren 650S Spider è una ...
Toyota Yaris 2015Toyota Yaris 2015
La Toyota Yaris 2015 si aggiusta il look e diventa più silenziosa. ...
Mitjet 2LMitjet 2L
Arriva in Italia la Mitjet 2L che piace tanto in Francia. Guarda ...

Home | Magazine

Pirelli: a Monza il P Zero fa il duroPirelli: a Monza il P Zero fa il ...
Ecco come il P Zero ha superato il test da sforzo del GP d'Italia
Opel: a Parigi il nuovo 2.0 CDTIOpel: a Parigi il nuovo 2.0 CDTI
Il nuovo turbodiesel Opel 2.0 CDTI corre più forte e inquina meno
Mercedes Classe B 2015Mercedes Classe B 2015
Restyling fronte/retro. E arriva anche l'elettrica
Opel KarlOpel Karl
Primo teaser dell'erede dell'Agila, in arrivo nel 2015
Mercedes-AMG GTMercedes-AMG GT
La Stella affila gli artigli con la Mercedes-AMG GT
A Bodybuilder With A Baby FaceA Bodybuilder With A Baby Face
The Seebacher Polo R WRC Clubsport
The new BatmobileThe new Batmobile
Dawn of Justice revealed
AKA Eurosport Mercedes G-ClassAKA Eurosport Mercedes G-Class
Californian tuner AKA Eurosport has a huge crush on the G-Wagen... ...
XLCH Ironhead Land Speed RacerXLCH Ironhead Land Speed Racer
Is a purpose built land speed racer
Indian ScoutIndian Scout
by Analog Motorcycles
2015 Panoz Esperante Spyder2015 Panoz Esperante Spyder
Looks like American car maker Panoz is finally a 100 percent sure. ...
R nine T Custom ProjectR nine T Custom Project
The builders. Watch the video
Novitec Maserati QuattroporteNovitec Maserati Quattroporte
It was only a matter of time before the tuning minds at Novitec... ...
1964 Shelby 289 Competition Cobra1964 Shelby 289 Competition Cobra
it's a Cobra with a remarkable history
Alfa Romeo Giulia in New RenderingsAlfa Romeo Giulia in New Renderings
The work is underway on the brand-new Alfa Romeo Giulia and the... ...
1989 Honda NX650 Flat Tracker1989 Honda NX650 Flat Tracker
When you think of a dual-sport motorcycle,...
Rowen Nissan GTRRowen Nissan GTR
Japanese tuner Rowen International turned up at the StanceNation.. ...
1963 Porsche 356B 1600 Super1963 Porsche 356B 1600 Super
The German Machine That Started It All
MotorBuzz