Autore:
Luca Pezzoni

CI VEDO DOPPIO La personalizzazione e il vizio colpiscono anche in auto. Terminata da tempo l'era dei sintonizzatori manuali con rotella, ora non bastano più neppure gli schermi a 16:9, con colori e navigazione in 3D, hard disk e prese iPod. E Mercedes pensa addirittura a uno schermo unico (a vederlo da spento) che però offre programmi e immagini diversi, in base all'angolo di visuale. Sullo stesso monitor pilota e passeggero vedono due immagini diverse.

DIVIDE Miracolo? No, la tecnologia Splitview è stata sviluppata dal centro multimediale specializzato di Stoccarda, insieme al partner Bosch, e sarà disponibile dall'estate 2009 sull'ammiraglia stellata. Ma in caso di apprezzamento del pubblico, e considerando che si parla il linguaggio della personalizzazione (il trend del momento) si potrebbe scommettere su una rapida diffusione su tutta la gamma.

PERSONALIZZA In effetti la soluzione è ingegnosa perchè concilia la possibilità di personalizzare l'entertainment senza influire su cockpit di bordo, peso e sprechi di materie prime. Non ci si pensa ma le auto alla fine del loro ciclo di vita devono essere riciclate e tutti i sistemi hi-tech sono ricchi di materiali preziosi, che poi finiscono sprecati. Cuore dell'innovazione lo schermo a matrice attiva da otto pollici, che utilizzando un software di gestione personalizzato e un particolare filtro riesce a sdoppiare i pixel.

ET IMPERA Alchimie tecniche ma quel che conta è la fruizione finale. Splitview rende possibile il miracolo del "due in uno". Grazie non solo allo schermo magico ma anche al doppio sistema di gestione dei contenuti, capace di assicurare il funzionamento in sincrono dell'hi-fi come del navigatore. Il pilota governa tutto con i comandi a portata di dito.

POLTRONA Al passeggero anteriore rimane la libertà di rilassarsi guardando tutt'altro, magari allungando il sedile fino a sdraiarsi come sulla poltrona casalinga. Sempre con il telecomando in mano, per governare il sistema e le cuffie audio per non disturbare. Il sistema ovviamente prevede anche la gestione separata dei canali sonori. Non una rivoluzione d'accordo, ma una bella comodità che può aiutare a finire un lungo viaggio senza discussioni.

UN BEL GIORNO VEDREMO Non ancora comunicato il prezzo. Anche se Mercedes dovrà poi pensare a portare lo Splitview pure sui sedili posteriori: su una superberlina guidata spesso da autisti rischia di rimanere (spesso) vuoto il posto del passeggero anteriore, scontentando invece il prezioso "carico" sul divano signorile...


TAGS: mercedes splitview