TURISMO 2.0 Chi è stato in India lo sa. A Nuova Delhi il viaggio in risciò è qualcosa di più di un passaggio verso la propria destinazione: è un’esperienza turistica parte integrante del costume locale. Qualcosa di tipico, insomma. Che però, come tutto o quasi al giorno d’oggi, ha dovuto alzare bandiera bianca di fronte al progresso e alla tecnologia. Da oggi, infatti, un passaggio in risciò si potrà prenotare su Uber, pagando “cash” direttamente il conducente alla fine della corsa.

SI FA PRESTO A DIRE AUTO Il servizio si chiama uberAUTO - parola grossa, per questi trabiccoli a tre ruote – e andrà ad aggiungersi ai vari uberGO, uberX e UberBlack già attivi nella capitale indiana. Per usufruirne servono uno smartphone, la connessione e ovviamente la app di Uber con relativo account personale. I prezzi, invece, ricalcano le tariffe stabilite dalle autorità locali, e sono applicabili solo ed esclusivamente per trasporti all’interno della cerchia di Delhi. Il servizio, per il momento, non è esteso agli stati Haryana e Uttar Pradesh.


TAGS: uber rickshaw delhi uber risciò