Autore:
Luca Cereda

L'auto nuova? Va bene ma non basta. Sempre più persone vanno alla ricerca di qualcosa di più: di un'auto che abbia una personalità distintiva, che esca dall'anonimato. E se da un lato l'automobilista più appassionato esagera ricorrendo al wrapping o azzardando verniciature che per qualche mese cavalcano una moda, ma alla lunga rischiano di stufare, dall'altro ci sono Case che offrono modelli "personalizzati di serie". Spesso riuscendo a tirar fuori più di una personalità dallo stesso modello utilizzato come punto di partenza.

Il segreto del successo di questi tipi di auto dipende sostanzialmente da due fattori: avere una buona base da caratterizzare e connotarla in un senso (ad esempio più sportivo) o nell'altro (magari più modaiolo) senza snaturare le caratteristiche del modello originale. Un lavoro non semplice, che richiede un potpourrì di competenze quali gusto, creatività e attenzione al mercato, ma anche coerenza e allo stesso tempo innovatività. Il lavoro del designer diventa qui un'opera di fino dove la differenza la fanno i dettagli e un occhio abituato a misurarsi con lo stile. Come si fa? Ce lo spiega Anna Costamagna, design manager di Peugeot 208 GTI e Peugeot 208 XY. 

GUARDA IL VIDEO


TAGS: anna costamagna peugeot 208 gti e xy