Autore:

Tutto il ddl da 61 articoli approvato dal Senato e già in vigore. Confermate buona parte delle anticipazioni trapelate tempo addietro, come le multe rateizzabili per chi ha un reddito basso, la tolleranza zero (alcol) verso neopatentati e camionisti, e il pugno di ferro contro i giovani che truccano le minicar. Stretta pesante anche sulle multe per le quali si dovrà pagare molto di più e chi perderà punti sarà costretto a studiare un po' per riavere 6 dei punti persi: anziché limitarsi a seguire un "corso di recupero", sarà obbligato a sostenere un esamino finale. Ecco nel dettaglio come cambia il Codice…

Alcol e Droghe
-Al primo rilascio della patente
occorrerà certificare di non aver abusato di alcol (alcol test) e droghe (drug test). Oltre ai neopatentati, l'obbligo di questa prassi è esteso ai conducenti professionali. In caso di guida in stato di ebbrezza, potrà essere invece il prefetto a richiedere la visita medica specifica.
-Multe da 500 a 2000 euro per chi viene pizzicato con tasso alcolemico tra gli 0,5 e gli 0,8 g/l. E in caso di incidente provocato, pene raddoppiate e fermo amministrativo innalzato a 180 giorni. Se il tasso alcolemico supera gli 1,5 g/litro, poi, scatta addirittura la revoca della patente, con la sospensione per 2 anni qualora l'infrazione abbia causato un incidente.
-Ai neopatentati (sotto i 21 anni, o patentati da tre anni) non viene concesso nemmeno una birra piccola, altrimenti pagano fino a 624 euro di multa, con revoca della patente e confisca del mezzo nei casi più gravi. E se il tasso alcolemico è compreso tra 0,5 e 0,8 g/litro, pagheranno un terzo in più di prima di multa.
-Niente alcolici in vendita nelle aree di servizio dalle 2 alle 7. Se si tratta di superalcolici, poi, "la censura" quotidiana ha una finestra ulteriormente dilatata: dalle 22 alle 6. La pena è un multone che va da 3.500 a 10.500 euro, con sospensione della licenza al venditore (30 gg) se colto in flagrante più di una volta in due anni.
-Chi guida sotto l'effetto di droghe rischia ora multe fino a 6.000 euro, l'arresto per un minimo di sei mesi e uno stop alla patente che potrà durare fino a 2 anni. Oltre all'inevitabile revoca se, nella circostanza, si è stati causa di un incidente.
-Nessun tipo di patente per chi fa uso, acquista o semplicemente riceve o detiene sostanze stupefacenti ed è già stato condannato per reati contro il patrimonio, la persona o gravi violazioni del Codice della Strada. Scatta invece il ritiro a vita della patente, qualsiasi essa sia, a chi è stata revocata per la seconda volta a seguito di reato di omicidio colposo provocato dall'uso dell'auto.
-Chi viene sorpreso alla guida senza patente o in stato di ebbrezza oppure sotto l'effetto di qualche droga può evitare l'arresto se accetta di essere affidato ai servizi sociali.
-Niente bevande alcoliche e superalcoliche nei locali notturni dalla ore 3 alle ore 6, con l'obbligo all'uscita di un apparecchio precursore chimico-elettronico per la rilevazione volontaria del tasso alcolemico e tabelle illustrative per i gestori di bar, alberghi, ristoranti che lavorano oltre la mezzanotte. La multa varia da 300 a 1.200 euro, e i sindaci possono consentire una deroga solo 2 volte l'anno (notte del 15 agosto e del 31 dicembre).
-I concessionari demaniali di spiagge possono invece somministrare bevande alcoliche dalle ore 17 alle ore 20, dietro autorizzazione della commissione tecnica di pubblico spettacolo. In caso di trasgressione c'è una sanzione pecuniaria che può arrivare fino a 20mila euro, più la sospensione da 7 a 30 giorni dell'attività.
-La revoca della patente per guida in stato di ebbrezza è ora riconosciuta come giusta causa per il licenziamento dei conducenti.

Animali
-L'uso di sirena e lampeggiante è consentito anche alle ambulanze che trasportano animali. Multa invece fino a 1560 euro per chi non si ferma a prestare soccorso ad animali coinvolti in un incidente provocato con il proprio mezzo (esclusi gli animali selvatici).

Autovelox
-Gli enti locali possono ora noleggiarli a canone fisso.

Bimbi in moto
-Cassata la legge che permetteva di imbarcare bambini dai 6 ai 12 anni su un sedile di sicurezza omologato. Allo stato attuale delle cose, dunque, non è possibile il trasporto dei bambini se il passeggero non è seduto in modo stabile ed equilibrato nella posizione determinata dalle apposite attrezzature del veicolo.

Camionisti
-L'inasprimento generale
delle sanzioni colpisce anche chi guida per mestiere, cui è richiesta la patente C o C+E. In caso di incidenti gravi o mortali, verrà disposta immediatamente la verifica del rispetto sulle norme sulla sicurezza della circolazione stradale presso il vettore, il committente, il caricatore e il proprietario della merce trasportata. In compenso non sarà più necessario avere 21 anni per guidare un mezzo che richieda la patente C o C+E: basterà averne 18 e aver frequentato un apposito corso di formazione.
-Normative riviste e sanzioni più aspre per quanto riguarda la durata dei periodi di guida prescritti e il rispetto delle norme sul riposo giornaliero. Chi li supera paga una multa da 38 a 152 euro.
-Revoca (anziché solo sospensione) della patente per chi fa inversione su strade extraurbane o autostrade.
-Multa di 13.000 euro
e fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi qualora un veicolo immatricolato all'estero effettui trasporti di cabotaggio che violano le norme comunitarie.

Casco
-Verrà introdotto il casco elettronico
in via sperimentale tra i motociclisti, così come la scatola nera sugli autoveicoli.
-Obbligatorio per le bici quello omologato fino all'età di 14 anni.

Confisca Ciclomotore
-Riscritte le procedure di confisca: l'agente o l'organo accertatore dell'infrazione dovrà provvedere immediatamente al sequestro del ciclomotore. Se non è prevista confisca, la restituzione al proprietario avviene previo pagamento delle spese di recupero, trasporto, custodia.

Divieti di circolazione
-Chi, nei periodi di blocco della circolazione per motivi di inquinamento, utilizza mezzi non a norma con i divieti imposti è soggetto a una multa che varia da 155 a 624 euro. Nel caso di recidività nei due anni successivi scatta la sospensione della patente da 15 a 30 giorni.

Limiti di velocità
-Sanzioni più severe per chi supera i limiti di velocità: da 500 a 2000 euro per chi sfora di oltre 40km/h il limite stabilito; da 780 a 3120 per chi lo supera di 60 km/h. Per tutti scatta anche la sospensione della patente da 1 a 3 mesi.

Minicar
-L'obbligo delle cinture
di sicurezza è stato esteso anche agli utenti delle minicar, mentre ne restano esclusi i conducenti dei veicoli con allestimenti specifici per la raccolta e per il trasporto di rifiuti (quando impegnati in attività di igiene ambientale nell'ambito dei centri abitati) e i conducenti dei veicoli a uso speciale.
Divieto di condurre ciclomotori e microcar e di conseguire il certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori per chi ha subito il ritiro della patente.
-Anche per le minicar vale l'obbligo di uso delle luci di posizione e anabbaglianti dentro e fuori i centri abitati come già avviene per le moto e i ciclomotori. Sono esentati i veicoli storici e di interesse collezionistico. Chi viola questa norma paga da 38 a 155 euro di multa.

Motorini truccati

-Chi tarocca (con pezzi non originali) i motorini per andare più forte va incontro a multe in rialzo: da 779 a 3.119, mentre prima al massimo se ne pagavano 311. chi si limita a togliere i blocchi (o operazioni simili), sempre per aumentarne la velocità, sforando così i limiti previsti per legge, rischia ora da 389 a 1.559 euro di multa. Da 78 euro a 311 euro cresce invece la sanzione per chi circola con una targa i cui dati non siano chiaramente visibili.

Multe
-I proventi andranno a finanziare la manutenzione delle strade, il potenziamento della segnaletica, il finanziamento dei controlli e accertamento della guida in stato di ebbrezza e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Di questi, una quota pari al 25% è destinata al ministero dei Trasporti, il 10% al Viminale per l'acquisto di automezzi, un altro 5% sempre al Viminale per gli accertamenti sulle strade, e ulteriore 5%, per garantire la piena funzionalità degli organi di polizia stradale. Un 5% spetta invece al ministero dell'Istruzione per promuovere programmi di sicurezza stradale in classe.
-Si potranno pagare a rate le multe a partire a partire da 200 euro (il tetto prima era di 400 euro), con rate da 100 euro l'una. A beneficiarne saranno però solamente coloro che nell'ultima dichiarazione abbiano denunciato un reddito non superiore a 10.628,16 euro.
-Il tempo per ricevere la notifica
della multa passa da 150 a 90 giorni. La contestazione immediata invece non è necessaria per violazioni del Codice nei centri storici, nelle ZTL, nelle aree pedonali e nelle corsie riservate. L'accertamento può avvenire tramite apparecchiature automatiche.

Occhiali
-Se prescritto, l'obbligo di usare lenti per la guida è esteso da subito a piloti di ciclomotori e minicar.

Patenti
-Non si potrà fare la prova pratica
prima che sia passato un mese dalla data di rilascio del foglio rosa. In caso di bocciatura si potrà ripetere una sola volta entro i limiti di validità del foglio rosa.
-Il rilascio del foglio rosa avverrà solo dopo aver superato una prova di controllo delle cognizioni, che andrà fatta entro 6 mesi dalla data di presentazione della domanda per il conseguimento della patente. Il "neopatentando" dovrà poi esercitarsi obbligatoriamente anche su autostrade e su strade extraurbane in notturna, ovviamente al fianco di un istruttore abilitato.
-Dal 19 gennaio 2011 per ottenere il patentino per i ciclomotore sarà necessario superare una prova pratica di guida.
-Multe salate
(da 2.200 a 9.000 euro) per chi guida con patenti estere non più valide.
-I neopatentati da meno di un anno potranno guidare auto dal rapporto peso/potenza non superiore a 55 kW/t (il limite precedente era a 50 kW/t). E' stato inoltre fissato un limite di potenza massima pari a 70 kW per i veicoli di categoria M1 (veicoli per il trasporto persone, aventi al massimo 8 posti a sedere oltre al conducente).
-Leggera modifica alle condizioni che permettono a un 17enne – se titolare di patente A - di guidare accompagnato a un adulto. Occorre dunque che: il minore sia accompagnato da un titolare di patente B da almeno 10 anni; il ministero abbia rilasciato apposita autorizzazione su richiesta di un genitore. In strada, poi, valgono i limiti previsti per i neopatentati.
-L'accompagnatore è responsabile del pagamento delle sanzioni pecuniarie in solido con il genitore o chi esercita l'autorità parentale o con il tutore del conducente minorenne. Qualora, poi, il conducente commetta violazioni che portano alla sospensione o alla revoca della patente, al minore viene revocata l'autorizzazione alla guida accompagnata e l'impossibilità di conseguirne di nuovo un'altra. Le medesime sanzioni si applicheranno anche se il minore viene pizzicato alla guida senza accompagnatore.
-Chi ha subito il ritiro della patente può ottenere dal prefetto un permesso di guida temporaneo di massimo tre ore al giorno ma solo per ragioni di lavoro o per impegni sociali. Queste ore però andranno ad aggiungersi al monte giorni inflitto allungando il periodo di ritiro della patente.
-Si possono riacquistare fino a 6 punti patente (9 per le patenti professionali) previa frequenza a corso di aggiornamento e superamento di un esame.
-Età limite innalzata a 68 anni (era a 65) per condurre bus o autocarri. Se si supera la visita medica di fronte a una commissione medica locale, è ora possibile guidare anche oltre gli 80 anni.

Pneumatici Invernali
-Multe da 780 a 3.100 euro
fino al sequestro delle merci per chi importa o commercializza pneumatici invernali non omologati secondo la normativa comunitaria.

Pubblicità
-I cartelli promozionali del territorio devono essere sostituiti da semplici segnali pena la rimozione.

Revisione Auto
-Per chi circola con dispositivi non funzionanti o non sottoposti a revisione. Pena raddoppiata se il veicolo non è stato revisionato nei termini previsti. In questi casi il veicolo è sospeso dalla circolazione fino a quando non avrà effettuato la revisione. In caso contrario la multa a cui si va incontro varia da 1840 a 7370 euro più il fermo amministrativo per 90 giorni. Quest'ultimo, se non rispettato, provocherà la confisca del mezzo.

Sosta
-Ritorna il divieto di tenere acceso il motore quando il veicolo è in sosta (mentre non sussiste più divieto in caso di fermata).
-Le bici non potranno sostare sui marciapiedi qualora mancassero appositi parcheggi.

Targhe
-Le targhe di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi sono personali e non possono essere abbinate contemporaneamente a più di un mezzo. In caso di trasferimento di proprietà e di esportazione all'estero le targhe devono essere conservate dal titolare.

Spazzatura
-Chi getta rifiuti
dai finestrini dell'auto, anche da quelle in sosta, è soggetto a una multa da 100 a 400 euro oltre che al recupero e alla pulizia dei luoghi "insozzati".

Veicoli da gara
-Una deroga
al divieto di circolazione su strada per i veicoli che partecipano alle competizioni motoristiche su strada: potranno infatti muoversi all'interno del percorso della competizione e per il tempo strettamente necessario agli spostamenti.

 


TAGS: lo scansacode multe leggi norme