ANNO NUOVO... Da marzo 2018 si cambia. Le nuove MINI avranno sul cofano un logo ristilizzato: è bidimensionale e ispirato dal flat design. Per farvi un'idea, guardate le immagini della Mini elettrica presentata a Francoforte: sarà così.

FACELIFT Il nuovo logo campeggerà su cofano, posteriore e volante delle piccole di Oxford. Non si discosta molto da quello che ben conosciamo, introdotto dalla Casa a metà anni Novanta, con la scritta MINI in maiuscolo. Semplicemente si modernizza.

PER DISTINGUERSI Rimane infatti quello che è l'elemento più caratterizzante del logo MINI: la ruota alata. Un motivo che ha origini lontane; a introdurlo per prima è stata la Morris Mini-Minor, che sfoggiava il simbolo della città di Oxford inquadrato in un cerchio con due ali stilizzate. Serviva a distinguerla dalla Austin Seven, per tutto il resto identica.

A CIASCUNA IL SUO Dal 1969, poi, MINI è diventato un brand a sé stante. Per segnare questa tappa, la MINI classica ebbe anche un nuovo logo, che presentava un disegno astratto senza alcuna somiglianza con i simboli originari. Il cosiddetto scudo MINI rimase utilizzato per decenni, ed il suo design adattato in diverse occasioni. Numerosi modelli speciali della MINI classica furono dotati di logo disegnati di volta in volta.

IL LOGO CONTEMPORANEO Solo nel 1990 si è ritornati all'originale, a una ruota cromata con ali stilizzate che riportava all'emblema della Morris. E in mezzo, al posto del bue di Oxford, la scritta MII Cooper, successivamente semplificata in “MINI” su altri modelli, che non riportavano la corona di alloro verde.

DOCUMENTARIO Il resto è storia recente, con il rilancio del marchio da parte del gruppo BMW e l'uscita della MINI contemporanea nel dicembre del 2000. Una storia ripercorsa, attraverso l'evoluzione del logo MINI, da questo video diffuso oggi dalla Casa.


TAGS: mini NUOVO LOGO MINI BRAND