Autore:
Luca Cereda e Marco Rocca

Siete mai stati al Fuorisalone di Milano? Se la risposta è no, vi siete persi qualcosa. Chiamano 'Fuorisalone' gli eventi che animano la città durante il Salone Internazionale del Mobile, la Milano Design Week. Un happening di esibizioni in spazi in cui il design, l'architettura e l'arte si stagliano su tutto. Senza limiti di sperimentazione. E allo stesso tempo una maratona di feste e aperitivi tale da mettere in moto un vero e proprio formicaio.

Il Fuorisalone, quindi, è anche un casino bestiale. E noi di MotorBox, quale auto abbiamo scelto per andarci? Un suv di cinque metri. Un po' come entrare al supermercato di sabato pomeriggio con un biroccio, direte voi. Senza sapere, però, che la nostra carrozza è una Maserati Levante S. In barba a qualsiasi scrupolo logistico, l'abbiamo immersa nel marasma di via Tortona e dintorni, cuore pulsante del Fuorisalone, venendo bersagliati di sguardi e scatti col telefonino. Perché stile e classe di questo SUV non si discutono. Con uno scooter o una citycar saremmo stati più comodi, forse. Ma certamente saremmo passati inosservati, e questo va decisamente contro lo spirito del Fuorisalone...

Fa un po' specie, però, muoversi a passo d'uomo con una bomba da 430 cavalli, ma tant'è. Sarebbe stato molto più frustrante se la Levante, oltre ad essere un'auto molto veloce, non fosse un SUV di ultima generazione, che grazie all'elettronica sa muoversi nel traffico senza sembrare un elefante in una cristalleria. Buona parte del QI della Maserati Levante deriva dai sistemi Bosch, e al Fuorisalone lo abbiamo messo a dura prova.

Nelle code, ad esempio. Stufi di pelare il gas ci siamo messi nelle mani dell'Adaptive Cruise Control con funzione Stop&Go, lesto nell'assecondare il ritmo del traffico a singhiozzo. E ancor di più nel bloccare da sola la Levante quando la processione si ferma, scongiurando incontri ravvicinati col paraurti di chi sta di fronte. Per poi ripartire, sempre in autonomia, una volta ritrovato campo libero.

E che dire quando un cercatore di spritz dimentica le strisce pedonali, tagliandoti la strada all'improvviso? Può succedere anche cinque volte nella stessa via, al Fuorisalone, ma anche qui la Levante ci mette una pezza. Riconoscendo il pedone, avvisandoci del pericolo e poi frenando da sola, se chi guida non reagisce al sollecito. Lo stesso succede a velocità più sostenute (sopra i 50 km/h) in caso di rischio di tamponamento.

Andare alla ricerca di installazioni, insomma, può diventare una gimkana, muovendosi senza l'aiuto di radar e sensori. Per non parlare del parcheggio che, se hai la fortuna di trovarlo, va pennellato al millimetro. Tutto questo però non ci ha scoraggiato. E se volete sapere come è andato a finire il nostro viaggio nel Fuorisalone con Bosch e la Maserati Levante, cliccate il video sopra.


TAGS: bosch maserati Maserati Levante salone del mobile di milano milano design week 2017 fuorisalone 2017