Autore:
a cura di Ronny Mengo

Com’è fatta, quanto il fascino resista al passare del tempo, come si è comportato il concessionario e quanto costa mantenerla. Questi i parametri (quality, appeal, service e cost, detto in inglese) sottoposti al campione di quattroruotisti, con i primi due nettamente più importanti per il cliente-pensiero. E classifiche con commenti vari, riprese dal magazine specializzato "What car?" e diramate nelle edicole del Regno Unito.

Due o tre anni di convivenza uomo-auto, insomma, parrebbero più che sufficienti per far venire al pettine i pro e i contro della scelta, mettendosi quindi a tavolino con serenità, senza attendere la fatidica crisi del settimo anno. E giù con i pareri personali sulla qualità d’insieme, gli scricchiolii e le finiture che penzolano, i pomelli che cigolano o le portiere che non si chiudono.

E l’appeal, ossia l’attrazione, la scena che fa o non fa una macchina quando passa l’infatuazione iniziale, quando la passione lascia spazio alla stima. E tutto ciò che sta alle spalle: il concessionario, il servizio post-vendita, l’immagine – più o meno nebulosa - della casa madre. Per finire con la periodicità degli appuntamenti dal meccanico, i costi di gestione, la piena fiducia nelle mattine di dicembre o i tradimenti con la spia della batteria a dare la buona giornata.

Tutto riassunto in percentuali, classifiche e sette categorie, appunto. Più una graduatoria finale che elegge insindacabilmente Miss soddisfazione. Beh, ha un nome e un cognome, l’auto dei sogni: Toyota Yaris. Provate a parlarne male se ci riuscite: certo non lo faretre una volta acquistata, seguendo ciò che emerge dal mega sondaggio.

La segue fedele una parente stretta, la Lexus IS 200, che festeggia con il piccolo genio la doppietta del Gruppo delle Tre Ellissi. Terza e soddisfatta la Jaguar XJ. Spicca poi la presenza Skoda, un tempo barzelletta a quattro ruote, ora cugina scomoda di Volkswagen, il dominio Toyota/Lexus e il dominio giapponese in genere, oltre alla totale, sconcertante, assenza di nomi italiani.

Per le classifiche dettagliate cliccare in alto a destra, per la classifica assoluta leggere qui sotto.

LA TOP TWENTY

1

Toyota Yaris

88,1 %

2

Lexus IS200

85,8 %

3

Jaguar XJ

85,1 %

3

Skoda Octavia

85,1 %

4

BMW Serie 5

84,7 %

5

Skoda Fabia

84,6 %

6

BMW Serie 3

83,6 %

6

Mercedes Classe E

83,6 %

7

Toyota Corolla

83,4 %

8

Mazda 626

83,3 %

9

Rover 75

83,2 %

10

Subaru Legacy

83,1 %

10

Toyota Celica

83,1 %

11

Subaru Forester

83,0 %

12

Skoda Felicia

82,8 %

13

Mazda MX-5

82,7 %

13

Suzuki Wagon R+

82,7 %

13

Volvo S80

82,7 %

14

Nissan Micra

82,6 %

14

Volvo V70

82,6 %

15

Daewoo Matiz

82,5 %

16

Audi A4

82,4

16

Mercedes Classe C

82,4

16

Nissan Primera

82,4

16

Toyota Avensis

82,4

17

Audi A6

82,3

17

Mercedes CLK

82,3

18

Honda HR-V

82,2

19

Saab 9-5

81,9

19

Toyota MR2

81,9

19

Toyota Picnic

81,9

20

Audi A3

81,8

20

Honda CR-V

81,8

Fonte: What Car?

TAGS: jd power 2002