Autore:
Andrea Rapelli

MOTORE DELL'ANNO Un premio ambìto, quello dell'International Engine of The Year, che sancisce ogni anno quali siano i motori più riusciti, scelti da una giuria di 65 giornalisti provenienti da tutto il globo. A spuntarla, nel 2015, il cuore della BMW i8, un tre cilindri 1.500 TwinPower Turbo a iniezione diretta di benzina con 231 cavalli e 320 Nm a 3.700 giri.

PICCOLINI Un cuoricino, quello di Monaco di Baviera, che è riuscito a spodestare il sempiterno Ford 1.0 Ecoboost, altro tricilindrico plurivittorioso nella storia dell'Engine of The Year, rimasto comunque in prima posizione nella categoria “entro 1 litro”. Il segno tangibile che il tricilindrico, sia, oggi, la perfetta quadratura del cerchio sulle auto piccole arriva anche nella categoria “1.0-1.4 litri”, capitanata dall'1.2 turbo del gruppo PSA.

CAVALLERIA PESANTE Il primo quattro cilindri a vincere una categoria (la 1.8-2.0 litri) è il Mercedes AMG 2.0 turbo da 360 cv, che ha battuto il 2 litri TSI Audi e il 2.0 turbodiesel BMW. Fra i 2 e i 2.5 litri primeggia invece il 2.5 5 cilindri TSI Audi, mentre la categoria 2.5-3.0 vede vincere il 6 cilindri biturbo delle BMW M3 e M4. Nell'Olimpo dei regimi (e dei cavalli) spiccano McLaren e Ferrari, con i rispettivi V8: biturbo il primo, aspirato il secondo. Infine, è la Tesla Model S a conquistarsi il titolo nella categoria Green Engine.

SPECIALE Nel menu a tendina trovate tutte (o quasi) le prove su strada di questi motori: così potete rinfrescarvi la memoria e, perché no, anche sognare, che non costa niente... Mettetevi comodi e buona lettura!


TAGS: bmw m3 ford fiesta bmw i8 peugeot 208 ferrari 458 speciale tesla model s premio engine of the year 2015 bmw m4 International Engine Of The Year 2015