Autore:
Luca Cereda

EXPORT La Cina si prende un altro bel pezzo di made in Italy: Giorgetto Giugiaro e il figlio Fabrizio lavoreranno allo sviluppo della Techrules GT96, supercar elettrica con batteria ricaricata a turbina. Con loro c’è anche la L.M. Giannetti, che si occuperà dell’egineering.

TREV Techrules è una startup che ha fatto parlare di sé allo scorso Salone di Ginevra, presentando una concept, la GT96, a tecnologia TREV (Turbine Recharging Electric Vehicle); ovvero con una turbina, che in questo caso sfrutta biogas o metano, a fungere da range extender per prolungare l’autonomia di questa supercar fino a 2000 km. La microturbina ha un output da 36 kW e alimenta un generatore che, a sua volta, ricarica le batterie. La trazione, invece, è affidata a sei motori elettrici, uno per ogni ruota anteriore e due per ogni ruota posteriore: totale 1.044 cv e 8.600 Nm. Grazie ai quali la GT96 sarebbe in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 2,5 secondi.

ARRIVEDERCI A GINEVRA Insomma, l’oggetto appare complicatino e sicuramente rappresenta una bella sfida. L’obiettivo è arrivare al prossimo Salone di Ginevra 2017 con l’oggetto fatto e finito, destinato a una produzione in mini serie. Giugiaro, dopo aver ceduto a Volkswagen le restanti quote di Italdesign (10%), si era messo in proprio fondando la NewCo GFG Progetti, prima di intraprendere questa nuova avventura.

 

 


TAGS: giorgetto giugiaro fabrizio giugiaro techrules gt96 l.m. giannetti