Autore:
Emanuele Colombo

FERRARI FXX K EVOLUZIONE “Stiamo ultimando le consegne della FXX K e quando avremo terminato, inizieremo a lavorare su come migliorarla”, a parlare è Enrico Galliera, a capo del programma Ferrari XX: una specie di club iper esclusivo in cui pochissimi e selezionatissimi clienti-collaudatori guidano le auto che anticipano le Ferrari del futuro.

MAI FERMARSI Fa parte della filosofia dell'azienda, iniziare a far crescere un prodotto appena dopo averlo lanciato e il programma XX è un business di successo, quindi pensare all'arrivo di una Ferrari FXX K Evoluzione intorno al 2020 non pare un'ipotesi campata per aria: “Anche per la FXX K stiamo pensando a possibili evoluzioni, ma non le abbiamo ancora”, ha detto Galliera all'edizione inglese di Top Gear, “Non appena il nostro reparto tecnico identificherà il modo per ottenere un grosso miglioramento, lo valuteremo”.

LO STATO DELL'ARTE Nel frattempo, la FXX K rappresenta lo stato dell'arte della “Ferraritudine”. Il fatto che abbia 1.050 cavalli e 900 Nm di coppia è tutto sommato secondario rispetto ad altri aspetti tecnologici che raccontano una storia legata solo in parte alle prestazioni estreme. L'aerodinamica è sì votata alla massima efficienza, ma la scelta di puntare su un motore V12 che canta “come le vecchie Formula 1”, ci tiene a precisare Galliera, sottolinea che gli aspetti più importanti per le Ferrari di oggi e di domani sono le emozioni e il feeling di guida.

NIENTE RECORD, PER ORA Non è un caso se Ferrari non è (per ora) interessata a scatenare al Nurburgring l'attuale FXX K alla ricerca di un nuovo record sul giro, come invece fece nel 2010 con la 599XX: la seconda auto a entrare nel programma XX. Nel dettaglio, tale programma prevede che un pugno di selezionatissimi clienti paghi una fiche milionaria per poter partecipare a una serie di eventi in pista: organizzati dalla Ferrari stessa con auto che, pur acquistate dai clienti, vengono custodite a Maranello e trasportate fino ai vari circuiti dalla Casa.

XX MEN Entrare nel club dei clienti-collaudatori non è facile e non basta essere già clienti delle Ferrari più esclusive come l'imminente LaFerrari Scoperta. Nel gruppo ci sono infatti anche ex piloti di Formula 1 come Rene Arnoux e per coloro che non hanno un simile pedigree il primo passo è iscriversi al programma di addestramento Corsa Clienti, che può formarli fino a ottenere una licenza per correre. Poi, magari, questi appassionati fanno esperienza con la 458 Challenge e il relativo campionato e solo allora possono scegliere se provare a entrare nel programma XX o se, in alternativa, guidare le Formula 1 di Maranello.

NUMERO CHIUSO Resta l'incognita della disponibilità delle auto, visto che il loro numero è limitatissimo e in genere i clienti del programma XX sono i primi a voler comprare ogni nuovo modello della serie. “È l'aspetto più critico”, dice Galliera, “Diamo priorità a chi è già nostro cliente, ma poi cerchiamo di convincerlo a vendere la sua auto precedente”, per portare nuovi appassionati all'interno della famiglia. Ora, quindi, la FXX da 800 cavalli, che è stata la prima della serie, e la 599XX che nel 2010 ha fatto il record al Nurburgring sono diventati i modelli entry-level per accostarsi al programma XX. Praticamente per neo-patentati...


TAGS: ferrari fxx k Ferrari FXX K Evoluzione Programma XX