NONSOLONERO “Gomma colorata? E’ ora di cambiarla”. Vi suonerà senza senso ma tra qualche anno potrebbe diventare un’espressione d’uso comune, qualora le “Discolor Tyre” dovessero (finalmente) prendere piede. Che cosa sono? Detto in estrema sintesi, un tipo di pneumatici diventano colorati quando si consumano.

A VOLTE RITORNANO L’idea, di per se stessa, è tanto brillante quanto semplice: fabbricare gomme con uno strato di vernice colorata all’interno del battistrada, in modo tale che, quando il pneumatico è consumato – i designer stimano una media di 20.000 km percorsi, ma molto dipende dallo stile di guida e dalla “scorza” del singolo modello di pneumatico-, lo strato colorato esca allo scoperto lanciando un messaggio inequivocabile: “è tempo di andare dal gommista”. E non si tratta certo di un’anteprima assoluta: soluzioni analoghe, addirittura col battistrada che cambiava colore a seconda dello stato di usura, erano già state progettate. Eppure, alzi la mano chi ne ha vista qualcuna circolare su strada?

ALTOLA’ AL COLORE Strano, considerato i vantaggi che un’invenzione del genere comporterebbe. Innanzitutto agevolerebbe i meno esperti a capire quando la gomma, ormai logora, può diventare pericolosa. Per non parlare poi di quanto semplificherebbe i controlli della polizia. Possibile che un’invenzione come Discolor Tyre possa aver avuto una così scarsa implementazione solo per una mera questione di costi?

CREATIVI Gao Fenglin e Zhou Buyi, gli inventori, intanto ci provano. I due l’hanno recentemente presentato le Discolor Tyre all’International Forum Design di Hannover, dove il prodotto ha ottenuto una più che discreta eco mediatica. D’altronde Fenglin e Buyi non sono due nomi qualsiasi: nel 2012 si erano aggiudicati un premio per aver inventato la Bevel Cup, prototipo di una tazza da caffè particolarmente igienica, che grazie a un manico ad angolo retto può essere riposta in posizione inclinata, tenendo l’orlo e l’interno al riparo da batteri e polvere.


TAGS: dyscolor tyre