PRENDI L'ARTE E... METTILA NEL BAGAGLIAIO Da che mondo è mondo, una MPV di generose dimensioni deve poter trasportare comodamente di tutto, pure 7 passeggeri, e non solo per piacere alle mamme e ai papà, che, prima dell'acquisto, valutano coscienziosamente capacità e versatilità della zona posteriore. I centimetri in abbondanza fanno comodo anche a chi - magari da single - coltiva hobby particolari, con attrezzature ingombranti o a coloro che amano fare le vacanze con famiglia, armi e bagagli al seguito, per esempio fra gli splendidi panorami della Val di Non. Che si faccia parte di una tipologia o dell'altra di acquirente, la Citroën Grand C4 Picasso 2013 ha tutti numeri per diventare il nuovo punto di riferimento della categoria.

CAMBIA PASSO Oltre a portare in dote un dimagrimento generale pari a 100 kg, il pianale modulare EMP2 ha allungato il passo della Citroën Grand C4 Picasso 2013, cresciuto di ben 11 cm rispetto al passato (2,84 m). Senza variare la lunghezza, contenuta in 4,59 m, i tecnici del Double Chevron sono riusciti ad aumentare la capacità del vano bagagli di ben 69 litri, raggiungendo i 645 complessivi fino alla cappelliera. Con la terza fila di sedili in ripiegata, naturalmente. Facendo scorrere la seconda fila in avanti (l'escursione è di 150 mm) si liberano invece oltre 700 litri di spazio. Hai voglia a caricare cassette di mele...

FORMATO FAMIGLIA La seconda fila di sedili della Citroën Grand C4 Picasso è pure ripiegabile a pacchetto per caricare, alla bisogna, oggetti alti (come per esempio una mountain bike). Nessun problema nemmeno in profondità: abbattendo a tavolino lo schienale del sedile passeggero anteriore, la MPV francese può accogliere oggetti lunghi fino a 2,75 metri. Così, la tavola da surf o la credenza della nonna entrano come per magìa in abitacolo.

UN POSTO PER TUTTO Se per i colli più ingombranti c'è posto in abbondanza, nemmeno lo stivaggio di quelli più piccoli è stato trascurato. Come accade sulla sorellina, anche la Citroën Grand C4 Picasso può contare su una serie di vani portaoggetti da far impallidire una parete attrezzata del Leroy Merlin: ci sono spazi nel tunnel centrale, pertugi sotto ai sedili anteriori e annegati nel pavimento della seconda fila, nelle portiere. Non ultimo, il ripostiglio celato nella parte inferiore della plancia: dotato di comode prese aux/usb e di corrente (230V) pare perfetto per nascondere da sguardi indiscreti smartphone o tablet.


TAGS: citroën grand c4 picasso val di non Val di Non: me la guido e... mela godo