Autore:
Luca Cereda

DI CES IN CES Dai comandi gestuali all’AirTouch: un anno dopo, tutto cambia affinché nulla cambi. BMW aveva presentato l’anno scorso al CES di Las Vegas un sistema di infotainment capace di funzionare seguendo i gesti manuali del guidatore o del passeggero anteriore, finito poi sulla nuova Serie 7. Anno nuovo, ecco la versione duepuntozero; il BMW AirTouch segue lo stesso principio – governare senza toccare – ma è più evoluto.

SENSORI Quanto più evoluto, lo scopriremo solo al CES di Las Vegas 2016 (6-9 gennaio). BMW, per ora, si limita a sganciare un teaser della concept che lo monterà e accenna qualche novità, senza però entrare troppo nel dettaglio del funzionamento. Le certezze sono due: uno schermo panoramico a tutto cockpit (o quasi…) e un pulsantino (anzi due: uno lato guida, posizionato sul volante, l’altro lato passeggero) per dare l’imprimatur definitivo, qualsiasi azione si imposti. Per il resto, il BMW AirTouch legge i comandi della mano tramite una serie di sensori installati nello spazio tra lo schermo e la consolle centrale.

CERVELLO FINO Da BMW mancheranno video esplicativi e note più dettagliate, ne siamo sicuri. Nel frattempo, occorre fidarsi di quel che dicono i tedeschi, ovvero che questo sistema è molto più intuitivo e sa, in un certo, anticipare le nostre mosse. Quando si tratterà di fare una chiamata, ad esempio, ci sottoporrà al volo la lista delle ultime chiamate o la rubrica con i nostri contatti, in modo da arrivare prima e con meno passaggi all’azione desiderata, che poi andrà sempre confermata schiacciando il bottone. Il tutto, però, mantenendo lo sguardo sempre all'altezza del parabrezza, per una guida più sicura.  


TAGS: ces las vegas 2016 ces 2016 BMW AirTouch