Autore:
Luca Cereda

E-HOP, LA CURVA Uno degli aspetti che spesso sottovalutiamo quando guidiamo è quello della velocità di ingresso in curva. Forse perché ogni tanto ci piace fare gli Schumacher, forse perché confidiamo troppo nell'aiuto dell'elettronica e, più in generale, nelle risorse della nostra automobile; fatto sta che, così facendo, il rischio di deragliare è dietro l'angolo e noi nemmeno ce ne rendiamo conto. Secondo alcune ricerche commissionate da Ford, questo comportamento contribuirebbe a causare circa 50.000 incidenti all'anno solo negli USA.

L'AIUTINO E proprio dalla Casa di Deaborn arriva un possibile rimedio. Non la soluzione radicale a questo genere di incidenti (che comunque dipendono sempre strettamente dal comportamento di chi guida, più che dal mezzo), ma un ulteriore aiuto, una tecnologia – ancora in attesa di esser brevettata – che serve a rimediare agli slanci di sportività in curva, intervenendo per abbassare di colpo la velocità e potenziare la frenata. Secondo i piani di Ford dovrebbe essere pronta per debuttare, di serie, sulla nuova Explorer 2011, fuoristrada non in listino da noi.

CALCOLO COMBINATO Come funziona? Il dispositivo misura la velocità alla quale il veicolo sta girando, per poi rapportare questo dato alla rapidità della sterzata del guidatore. Quando l'auto non gira quanto chiesto da chi è al volante, il Curve Control – si chiama così - si attiva applicando la giusta quantità di frenata a ciascuna delle quattro ruote, fungendo così da ausilio al controllo di stabilità. Il suo intervento è determinato da una serie di sensori che monitorano tra le altre cose il rollio, l'accelerazione laterale, la velocità delle ruote e l'angolo di sterzata del volante. Basandosi su questi input, il Curve Control fa partire un calcolo ogni 100millisecondi e, quando registra che l'auto ha preso troppa velocità, riduce rapidamente la coppia del motore e rallenta il veicolo fino a una velocità di 10 km/h. Il tutto nel giro di un secondo circa di tempo.

RAMPA DI LANCIO L'efficacia è garantita – a detta di Ford – su superfici asciutte quanto sul bagnato. Questo genere di aiuto ad esempio si fa sentire sulle rampe di uscita di autostrade e tangenziali, spesso imboccate senza rallentare a dovere quando – allo stesso tempo – questi raccordi ci richiedono una netta e prolungata sterzata.


TAGS: curve control controllo di stabiulità explorer