A VOLTE RITORNANO Alla prossima 24 Ore di Le Mans ci sarà anche lei, per un ritorno in pista di quelli roboanti. Era il 1966 quando l’Ovale Blu firmò una tripletta al Circuit de la Sarthe con la Ford GT40 Mk II, guidata, tra gli altri, da Bruce McLaren. 50 anni esatti dopo, a raccoglierne il testimone sarà questa Ford GT da Endurance basata sulla nuova supercar in uscita l’anno prossimo. La GT in tuta ignifuga, invece, si sta allenando già da un po’ ma vedrà la bandiera a scacchi soltanto il 31 gennaio 2016, in occasione della 54esima Rolex 24 di Daytona.

V6 3.5 ECOBOOST La Ford GT per il Mondiale Endurance correrà nella categoria LM GTE Pro e parteciperà all’intero programma del TUSCC (Tudor United Sportscar Championship). Per lei, la Casa ha scelto un motore già collaudato in ambito sportivo, il V6 3.5 litri EcoBoost già utilizzato nel TUSCC dal 2014. Ovviamente riadattato e preparato con partner d’eccezione, tra i quali Roush, che si preoccuperà di fare palestra al motore, e Ricardo, cui invece spettano invece i lavori sulla trasmissione. Il tutto per provare a rivincere la 24 Ore più famosa del mondo ma, anche, promuovere la gamma “performance” di Ford, che a fianco della GT vede la Focus RS, la Focus ST, la Fiesta ST, ma anche F-150 Raptor, la Shelby GT350 e GT350 R. 


TAGS: 24 ore le mans ford gt le mans 2016