Autore:
Himara Bottini

Immaginate un videogioco alla Need4Speed, dove i comuni mortali possono divertirsi a modificare come meglio preferiscono diverse auto da sogno. Mettiamo che la vettura prescelta sia una Ferrari Scaglietti 612 e diamola in mano a Pininfarina. Prendiamo poi un facoltoso collezionista americano, che di nome fa Peter S.Kalikow, di New York, e trasportiamo tutto nella realtà ed ecco cosa ne è uscito. Perché lui, la Scaglietti su misura lui se l'è fatta fare davvero.

La richiesta di Kalikow è stata precisa fin dall'inizio. La Scaglietti 612 doveva essere di classe e sportiva tanto quanto quella di serie, ma con dei piccoli accorgimenti che solo un occhio da intenditore sarebbe stato in grado di distinguere.  La prima cosa che cade all'occhio è la presa d'aria sul cofano, che incattivisce ancora di più il viso grintoso della 612. 

Grinta da vendere anche nella vista laterale, con due larghi sfoghi d'aria ricavati sui parafanghi anteriori, proprio dietro le ruote. Girandole intorno ci sono poi le pinne che circondano il lunotto posteriore e i fari posteriori sporgenti, che richiamano quelli della Enzo.

Altra interessante personalizzazione è stata realizzata sul tetto, dove la preziosa lamiera della 612 è stata sostituita con una copertura trasparente a cristalli liquidi e celle fotovoltaiche. Tutte modifiche che si potranno ammirare al Concorso d'Eleganza Villa d'Este, dove la Scaglietti 612 sarà presentata al pubblico nel weekend del 22 e 23 aprile. Poi, per ammirarla, non resterà che volare a New York, sotto l'ufficio di Mr. Kalikow, presidente della Metropolitan Transportation Authority locale.

GUARDALA DA VICINO




TAGS: ferrari scaglietti 612 special