Autore:
Himara Bottini

LA PRIMA VOLTA Dieci anni fa il primo frontale. Una Rover 100 disastrosamente accartocciatasi contro il muro di cemento dove l'avevano spedita i tecnici Euroncap per verificarne la sicurezza. Un disastro. Che però è servito all'opinione pubblica per sensibilizzarsi di più sul problema della sicurezza e per rendersi conto della fragilità delle auto che stavano guidando. Oltre che alle Case automobilistiche per migliorare un aspetto, quello della sicurezza, divenuto sempre più importante negli anni successivi. Da allora sono stati oltre 400 i lanci di auto a 64 km/h contro il muro di cemento Euroncap, in rappresentanza di 200 differenti modelli. Le cinque stelle sono diventate alla portata di molti e non riuscire ad ottenerle oggi è considerato particolarmente biasimevole.

GLI ULTIMI CRASH Qui di seguito, i risultati dell'ultima sessione, dove tra gli altri emerge, per la prima volta, un dato estremamente positivo nel test che tiene conto delle conseguenze provocate da un eventuale impatto contro i pedoni. Una vettura è riuscita a ottenere il punteggio massimo di quattro stelle su quattro. E' la Citroën C6, che entra così con merito nella storia della sicurezza dell'auto. Cliccando sul nome di ogni modello si accede alla rispettiva prova su strada o alla scheda illustrsativa.  

 


CHEVROLET MATIZ

 Si distingue come pecora nera del gruppo raccogliendo solo tre stelle per la sicurezza degli occupanti adulti. È alto il rischio di lesioni al torace nell'impatto laterale e ci sono pericoli per le ginocchia in quello frontale. Inoltre è l'unica macchina testata a non avere il sistema di pretensionamento e rilascio delle cinture di sicurezza, che dovrebbe essere compreso nelle dotazioni standard. Questo dispositivo è adottato proprio per incoraggiare i passeggeri ad utilizzare le cinture di sicurezza, senza le quali tutte le precauzioni per la sicurezza risulterebbero inutili. Sufficiente invece la protezione bambini con 3 stelle. Due stelle infine per la sicurezza pedoni.

 


CITROEN BERLINGO

Molto buona la sicurezza per il conducente, con un rischio solo marginale di lesione nella parte superiore della gamba. E' invece riscontrabile un alto rischio di danni alla parte superiore della gamba per il passeggero anteriore. A rischio anche la protezione del torace del conducente nell'impatto laterale. Il giudizio finale dice 4 stelle. Sufficiente la sicurezza per i bambini (3 stelle) e insufficiente la sicurezza per i pedoni, con una sola stella.

 


CITROEN C6

La nuovissima ammiraglia Citroën è la prima vettura premiata con 4 stelle nel test per la protezione dei pedoni, un risultato impensabile fino a pochi anni fa. Il merito in particolare va a un cofano "attivo" che si solleva di 65 mm in caso di urto contro il pedone. Il tutto grazie a un rilevatore d'urto e a un meccanismo pirotecnico che lasciano un buon margine di spazio tra la superficie del cofano e le rigide componenti del motore. Gli ingegneri francesi possono gonfiare il petto anche per le 5 stelle per gli occupanti adulti e le 4 stelle per i bambini. Questo significa che in caso d'impatto frontale e laterale tra i 50 e i 64 km/h, sia il conducente sia i passeggeri hanno un basso rischio di lesioni.

 


DAIHATSU SIRION

Quattro stelle per la sicurezza degli occupanti adulti. Nell'impatto frontale è stato rilevato un rischio marginale di lesione agli arti inferiori del conducente nel contatto con plancia e piantone dello sterzo, mentre il passeggero rischia una lesione maggiore alla parte superiore della gamba. Tre stelle per la sicurezza bambini. I bambini di 18 mesi sono esposti ad un rischio maggiore rispetto a quelli di tre anni. Solo due stelle per la sicurezza pedoni.

 


FIAT CROMA

La nuova ammiraglia Fiat si è comportata benissimo durante i test e spunta ben 5 stelle per la sicurezza degli occupanti adulti, grazie anche alla serie di airbag frontali, laterali, a tendina e per le ginocchia. Molto buona anche la protezione bambini (4 stelle). Solo una stella invece per la sicurezza pedoni.

 


FIAT GRANDE PUNTO

La nuova Punto raggiunge tre stelle per la sicurezza dei pedoni, oltre alle 5 per gli occupanti adulti e alle tre per i bambini. Un ottimo risultato dunque. Un caso di malfunzionamento è stato segnalato solo per l'airbag a tendina che protegge la testa nell'impatto laterale, nonostante abbia funzionato correttamente nel test del palo. A questo proposito la Fiat sta effettuando ulteriori verifiche.

 


JEEP GRAND CHEROKEE

Se siete a piedi, sperate di non essere mai investiti da un Cherokee, l'unica esaminata a non aver ricevuto neanche una stella per la sicurezza pedoni. Molto buona invece la protezione occupanti adulti. Nell'impatto frontale c'è un alto rischio di lesione del torace per il conducente, mentre il passeggero rischia lesioni marginali alle gambe. Il quadro per gli adulti è roseo, sintetizzato da quattro stelle e buona è pure la protezione dei bambini, che frutta 3 stelle.

 


KIA RIO

Anche per la Kia 4 stelle nella protezione degli occupanti adulti, grazie alla dotazione di airbag frontali, laterali e a tendina, con leggeri rischi di lesione per il torace del conducente e per la parte superiore delle gambe. Pochi i pericoli anche per la parte superiore delle gambe del passeggero. Buona la protezione dei bambini, con tre stelle, mentre è ancora insufficiente la sicurezza dei pedoni, con due stelle.

 


MAZDA 5

Ottimo il livello generale di sicurezza degli occupanti adulti (cinque stelle) nonostante il fatto che nell'impatto frontale si verifichi una notevole deformazione nella zona della pedaliera. Sufficiente la sicurezza bambini, con valori però non esaltanti registrati dal manichino che simula il bimbo di 18 mesi (3 stelle). Insufficiente la sicurezza pedoni (1 stella).

 


MAZDA 6

Molto buona sia la protezione degli adulti sia quella dei bambini, entrambi con un risultato di 4 stelle. Nell'impatto frontale si registra solo un rischio leggero di lesione del torace e della parte superiore delle gambe. La Euro NCAP ha tuttavia concesso alla Mazda di ripetere il test dopo interventi per migliorare il funzionamento delle cinture di sicurezza anteriori. Del tutto insufficiente la protezione pedoni, con solo una stella.

 


MITSUBISHI COLT

Si comporta benino nell'impatto frontale con limitato rischio di lesione del torace e della parte superiore delle gambe per il conducente. Senza gravi conseguenze restano invece i notevoli danni registrati nella zona della pedaliera. Nell'impatto laterale la protezione del torace è discreta e nulla più. Il punteggio globale è in ogni caso di 4 stelle. Buona la protezione dei bambini con 3 stelle. Solo una stella, come triste abitudine, per la sicurezza dei pedoni.

 


PEUGEOT 407 COUPE'

Davvero ottima la protezione degli occupanti adulti, infatti, il voto è di 5 stelle, con uno stuolo di airbag a disposizione. e molto buona la sicurezza dei bambini sia di tre anni sia di 18 mesi (4 stelle). Completano il quadro due le stelle per la sicurezza pedoni.

 


SEAT LEON

Si qualifica molto bene in generale raggiungendo buoni risultati nella sicurezza dei pedoni con tre stelle. La Seat è una tra le Case che più si è impegnata su questo fronte. Quattro stelle per la sicurezza degli occupanti adulti, con un rischio marginale di lesione alle gambe per il conducente. Molto bene anche per i bambini, 3 stelle, con un buon risultato nella protezione della testa.

 


TOYOTA YARIS 2006

Degne di nota le sue 5 stelle per la sicurezza degli occupanti adulti, voto che fa sempre specie quando assegnato ad un'auto così compatta. È fornita di airbag frontali, laterali, a tendina e per le ginocchia. Bene anche la sicurezza dei bambini a 3 stelle, con una protezione di poco inferiore nei bambini di 18 mesi. Delude solo nel test dell'urto dei pedoni, chiuso con 2 stelle.

 


VOLKSWAGEN FOX

In generale è soddisfacente la sicurezza degli occupanti adulti (4 stelle). Tuttavia, mancando gli airbag che vanno a proteggere testa e torace, sono possibili leggere lesioni negli impatti laterali, soprattutto del torace. A rischio anche la parte superiore delle gambe nell'impatto frontale. Molto buona anche la protezione dei bambini, sia di 18 mesi, sia di tre anni, con una votazione di 4 stelle. Più ombre che luci in fatto di sicurezza dei pedoni (2 stelle).