Digg Facebook Twitter Feedburner

Audi, la vera storia della quattro

Data: 31 Maggio 2010 13:10:00
Autore: Luca Pezzoni

La trazione integrale con gli anelli compie trent'anni. In mezzo ci sono intuizioni ingegneristiche, vittorie e strategie commerciali. Con una buona metà del successo ottenuto grazie alla parolina "quattro" suggerita da...


Audi, la vera storia della quattro

TRENTA QUATTRO Oltre tre milioni di auto a trazione integrale prodotte, trionfi nei rally, innovazioni tecnologiche, meccaniche ed elettroniche sono pronte a testimoniare l'unicità di un percorso per metà ingegneristico e per metà di marketing. Perché senza la trazione integrale, il sogno di Ferdinand Piëch, ovvero vedere Audi nell'Olimpo dei brand insieme a BMW e Mercedes, non si sarebbe avverato. Una storia fatta anche di auto da corsa leggendarie, come la Sport Quattro Gruppo B che portò al debutto il cambio a doppia frizione o la derivata che trionfò a Pikes Peak, prototipi futuribili come la Avus e auto normali di grande serie, pronte a percorrere chilometri in sicurezza su strade innevate. Ecco i contorni, le date principali e le curiosità di una storia che deve molto alla caparbietà di alcuni uomini ma anche al caso fortunato... Come, ad esempio, il passaggio di consegne che ha dato inizio alla storia.

1976 Volkswagen deve disegnare un nuovo off-road per scopi militari ma decide (i casi della vita...) di passare la mano all'interno del Gruppo. Il compito viene affidato ad Audi dove, un ingegnere di grande sensibilità e felici intuizioni, Roland Gumpert, provando i primi prototipi capisce subito che la trazione integrale applicata alle auto di serie avrebbe potuto avere grandi potenzialità. Gumpert convince il proprio capo Jorg Bensinger a realizzare un esperimento "civile" partendo da una 80 con passo allungato e motore turbo: la proposta arriva al vulcanico Ferdinand Piëch che cavalca l'idea e dà disco verde al progetto. Forse nella sua testa frulla già il sogno di portare in alto Audi e vede proprio nella trazione integrale un fattore differenziante e in grado di colmare il gap con i marchi più nobili...

1977 La prima Audi a trazione integrale si muove sulle strade innevate dell'Austria e in poco tempo il progetto prende forma. Per convincere i grandi boss Audi basta far provare il prototipo che riesce a salire le colline con disinvoltura anche sui prati bagnati, gli stessi che i pompieri usavano per le esercitazioni dei loro fuoristrada.

1978 Solo un anno prima un giovane di belle speranze Martin Smith, oggi designer di fama, entra in Audi e disegnerà proprio la Quattro. Nel frattempo infatti arriva l'ok a progettare e disegnare una coupé a trazione integrale... Unica pecca i sobbalzi nelle manovre strette e nelle curve dovuti alla trazione integrale, rilevati dalla moglie di un componente del board Audi. Manca ancora qualcosa in termini di raffinatezza per portare la trazione integrale anche su veloci e comode berline. I tecnici non si danno per vinti e inventano un albero secondario cavo e lungo 263 mm attraverso il quale il moto fluisce in due direzioni (treno anteriore e posteriore) e collegato direttamente al cambio al posto dei due assai rigidi.

1979 Audi decide di voler investire nei rally per promuovere la prossima tecnologia di punta e Hannu Mikkola, all'epoca pilota Lancia, dopo aver provato un prototipo firma subito un contratto. Nello stesso anno Walter Treser, un ingegnere Audi, suggerisce di chiamare "quattro" la nuova tecnologia e vince la competizione interna con le altre proposte (tra cui Quadro e Carat).

1980 In una pista da pattinaggio, vicino ai padiglioni del Salone di Ginevra, i giornalisti specializzati vengono invitati a un'anteprima. Su una piattaforma rotante abbellita da fiori gira su se stessa una coupé dalle forme squadrate. Un Ferdinand Piëch emozionato parla di "trazione integrale pronta a diffondersi su larga scala". La Quattro, con la q maiuscola, monta sotto il cofano anteriore un cinque cilindri turbo in posizione longitudinale, con 2.144 cm³ di cilindrata, una pressione di alimentazione di 0,85 bar e intercooler eroga 200 CV e una coppia di 285 Nm. La produzione calibrata sull'obiettivo delle 400 unità, quota necessaria per raggiungere l'omologazione alle competizioni, viene subito rivista verso l'alto. Terminerà solo nel maggio del 1991 con un totale di 11.452 esemplari realizzati.

1981 A dirigere il nuovo team Ferdinand Piëch chiama proprio quel Roland Gumpert che ebbe l'intuizione di credere nella trazione integrale per l'auto di tutti i giorni. Pur a digiuno di corse e con qualche errore di gioventù il team impara in fretta... La Quattro debutta nel rally d'Austria e vince subito in modo molto facile: in condizioni avverse non c'è storia rispetto alle auto a due sole ruote motrici, seppur strapotenti come la Lancia Stratos. Nel rally di Montecarlo Mikkola vince le prime sei tappe sotto la neve prima di essere fermato a un incidente. Alla fine dell'anno sarà terzo in classifica ma, come da tradizione, le basi per i successi futuri sono gettate. Arrivano Michele Mouton e l'anno dopo pure Steve Blomqvist: uno squadrone.

1982 Con sette vittorie la Quattro è l'auto migliore del lotto e porta alla vittoria la prima donna in una gara del Mondiale rally: Michele Mouton manca il mondiale per pochi punti, Walter Rohrl si aggiungerà per l'anno successivo alla pattuglia di piloti. Arrivano altri modelli a trazione integrale: Audi Coupé, Audi 80/90 e Audi 100/200 sono berline che uniscono lusso e tecnologia e si vendono bene, grazie ai successi nelle prove speciali della sorella da corsa, ma anche perché sono coerenti con una strategia di caratterizzazione del brand che diventa sinonimo di lusso e sicurezza.

1983 Hannu Mikkola vince il Campionato Mondiale Rally. Solo tre anni prima non esistevano Audi a trazione integrale e neppure la squadra corse. Debutta anche la Sport Quattro a passo corto che si alterna al modello originario per agevolare la maneggevolezza nelle prove speciali più tormentate: la Peugeot 206 a motore centrale si rivelerà un'avversaria ostica.

1984 Mentre la Quattro Gruppo B riceve l'omologazione, le Quattro stradali arricchiscono la dotazione con l'ABS di serie e con una strumentazione digitale e "parlante": a darle voce una speaker famosa in Germania perché annunciava alla radio le condizioni del traffico. Tripletta storica al Monte Carlo con Rohrl, Blomqvist e Mikkola a dividersi il podio.

1985 - 1986 La illucida follia delle "Gruppo B" volge al termine: solo un anno dopo Audi si ritira al triste rally del Portogallo (morte di piloti e spettatori a seguito di vari incidenti) quando la Quattro aveva raggiunto il suo massimo evolutivo, con oltre 600 cavalli. Le "Gruppo B" devono trovare nuovi sterrati: Michele Mouton vince a Pikes Peak. Verrà imitata da Rohrl due anni dopo.

1987-1988 Arriva il differenziale Torsen sulle auto di serie, si tratta di un importante passo in avanti tecnologico per rendere più efficace la distribuzione della forza motrice a seconda delle esigenze. Sempre grazie al differenziale l'ABS lavora meglio e, nel frattempo, cresce pure la cilindrata del motore, ora di 2.226 cm³ e anche il turbo viene rivisto per una risposta più pronta. Al vertice della gamma Audi arriva una superberlina, la V8 con 250 CV e trazione solo integrale.

1989 La Quattro cambia ancora il cuore: il propulsore a cinque cilindri raddoppia le valvole, ora sono quattro per cilindro e la scritta 20 valvole fa bella mostra sul portellone... non sono più scritte adesive poco conosciute ma vere icone distintive. Nessun'altra Casa può vantare e legare le proprie auto a concetti di trazione integrale evoluta. Anche le concorrenti sono costrette a mettere in gamma versioni integrali delle loro berline..

1991 Con oltre tre anni di ritardo sulla scadenza programmata (il successo sulle piste allunga la vita, come accade alla rivale Delta Integrale) l'ultima Quattro esce dalle linee di produzione. In totale ne sono state prodotte oltre 11.000 unità.

1992-2000 Sono anni di consolidamento, di strategie commerciali e di immagine. Il marchio quattro, ormai una vera "divisione" all'interno di Audi, diventa sinonimo di trazione integrale. Nascono auto da intenditori in edizione limitata, come la RS2, una 80 Avant firmata Porsche. Mentre nel 1995 la trazione integrale diventa disponibile sulla A4 anche per i modelli Diesel. Si susseguono i prototipi equipaggiati con trazione integrale, alcuni evocativi come la Avus e altri più vicini alla produzione come la TT. Che con il sistema Haldex e il motore trasversale, stessa formula della compatta A3 e della sorella Golf 4motion, devia dai concetti originari facendo storcere il naso ai puristi... ma la linea che sembra uscire da un museo Bahuaus assicura un notevole successo.

2000-2010 Storia recente, Audi veleggia verso i tre milioni di unità a trazione integrale vendute nel mondo. La gamma quattro spazia dalla A3 alla A8, passando per i Suv Q5 e Q7 e la supersportiva R8. RS4, RS6 e TT seconda generazione in versione RS uniscono prestazioni da supercar alla trazione integrale. La RS5, versione di punta della coupé erede immaginaria della prima Quattro, porta al debutto una nuova generazione di trazione integrale con differenziale a corona dentata ed elettronica evoluta (Torque Sensing) in grado di replicare il comportamento di una trazione posteriore, sbandate comprese, ma senza gli svantaggi... E la storia continua.

LE QUATTRO INDIMENTICABILI
Non tutte le Audi a trazione integrale occupano lo stesso spazio nella storia del marchio e nel cuore degli appassionati. Ecco di seguito, a sindacabilissimo giudizio della redazione alcune fuoriclasse per doti nascoste, nobili origini o.... portamento. Proposte più recenti, come la R8, o la TT RS ancora in produzione, devono dimostrare ancora di invecchiare bene come il vino buono...

UR QUATTRO La mamma di tutte le Audi a trazione integrale (Ur significa originale) oggi fa quasi tenerezza. Nonostante le linee squadrate che denunciano il suo sapore tipicamente eighties ci sono abbastanza particolarità per custodirla gelosamente in garage: la prima trazione integrale Audi, il motore turbo a 5 cilindri sotto il cofano e il pulsante sul tunnel per bloccare il differenziale. Se cercate un esemplare usato, le ultime con motore a 20 valvole e la scritta quattro sui sedili possono essere una buona scelta...

SPORT QUATTRO Mentre i concorrenti come Lancia e Peugeot pensano a veri prototipi camuffati da auto comune (Delta S4 e Peugeot Turbo 16), in casa Audi si decide di rimanere collegati alla realtà della produzione. Ma con qualche compromesso: la Sport Quattro è a nostro giudizio la Quattro più affascinante di sempre con il suo passo accorciato, i parafanghi allargati e le branchie per far respirare turbine e 300 cavalli. Un compromesso tra ragione ed esagerazione...

RS2 Finita l'epopea delle competizioni la trazione integrale diventa arma commerciale per caratterizzare berline dalle linee tipicamente aerodinamiche. Ma nel 1994 la RS2 sembra uscita dai sogni di un tuner raffinato, è l'Audi che non ti aspetti. La versione Avant della 80, a fine carriera (ancora oggi piacente al posteriore tremendamente contemporaneo) si trasforma in RS2. Sviluppata a quattro mani con Porsche nasconde 315 cavalli e un turbo sotto il cofano, ha un cambio a sei marce e accelera da zero a cento in meno di 5 secondi. Specchi e cerchi presi di peso dalla 911 fanno battere il cuore e creano una Instant Classic prodotta in soli 2.000 esemplari.

RS4 Oltre dieci anni dopo la RS2 in Audi ritrovano il coraggio di osare e, con la RS4 basata sulla A4 coeva, creano un perfetto esempio di understatement al contrario. Se agli occhi dei distratti potrebbe sembrare la solita berlina o station con i cerchi più grandi, chi la guida apprezza una personalità unica, elogiata unanimemente dalla stampa internazionale. E premendo il tasto sul volante, acceleratore, sterzo e motore (un V8 da 4,2 litri e 414 cavalli) cambiano intonazione...

Autore: Luca Pezzoni
Data: 31/05/2010 13:10:00

Scarsa educazione Premesso ciò, lungi da me essere un detrattore del marchio Audi. Io stesso ne ammiro le ottime realizzazioni, A3, Q7 ed A8 (esternamente, perchè dentro è la migliore della concorrenza) escluse. Sono macchine di gran qualità e la TT è un'autentica icona: la prima serie è addirittura esposta al MOMA di NY. La concorrenza tra i marchi e l'accelerazione sul piano della tecnica e del design è un'autentica manna per i consumatori ed, incerte fasce, per gli appassionati di automobili. E l'opinione personale del romagnolo, costantemente demolitiva verso il marchio BMW (si leggano i suoi interventi ogni volta che il sito pubblica un servizio, uno qualsiasi su una qualsiasi delle automobili dell'elica: uno dei primi è caratteristicamente il suo, dal contenuto scontato, ritrito), è lecitamente esprimibile, ci mancherebbe. Tuttavia, mi piacerebbe leggere commenti realmente interessanti, spunti riflessivi, nozioni che soddisfino la mia fame di sapere in materia automobilistica, non sciocchezze, deliri, disinformazione ed amenità analoghe. Alle offese ad personam, invece, reagisco facendo spallucce. Ma, innegabilmente, svalutano la dignità dei tuoi scritti ed il tuo decoro. Inviato da: Gigi - 18/06/2010 15:55:25
Caro anonimo, non ne azzecchi mai una, nemmeno per sbaglio. Inviato da: Gigi
ih ih... si dica cio' che si vuole...fatto sta' che audi per l'epoca in cui ha introdotto le novita' elencate in europa,ha anticipato i tempi,creando nuove strade tecnologiche a cui tutti hanno fatto riferimento(persino mercedes e bmw),e molte innovazioni,non sono state fatte su auto di grande serie come ha invece proposto immediatamente audi,ma auto di lusso,create per pochissimi.... Rimane il fatto che se oltreoceano,le auto erano piu' avanti che da noi,audi e' stata la prima sotto molto aspetti a introdurre innovazioni per il mercato europeo e a produrle,non senza critiche pesanti all'epoca,come per la stessa trazione quattro....dove tutti poi si sono aggregati coi vari 4 matic,x drive,ecc ecc. Non mi sembra cosi' assurdo dare meriti quando uno li ha,e non mi pare di aver detto che solo audi abbia segnato il progresso dell'auto... Inserire telai e carrozzerie d'alluminio sulla grande serie,cx aerodinamici da record,segnare ogni sorta possibile di record di velocita' e durata senza rotture,con auto solo leggermente modificate dalla serie(contro veri e propri prototipi tipo la peugeot con motore centrale,creata ad hoc per i rally e impensabile in una produzione di serie),vincere gare su gare con motori diesel contro ultrapompati benzina della concorrenza,contribuire alla sicurezza attiva col primo pretensionatore di cinture e il sistema procon ten,sempre in anticipo sulla concorrenza diretta,e non per ultimo stabilire record di basso consumo,con un audi 100 diesel,per l'epoca,sono fatti innegabili che annoverano audi fra i grandi dell'automobilismo.... In solo 3 anni dall'inesistente audi sport(la divisione competizioni audi),a campioni del mondo rally,nel 1931 stabilire il record di velocita' di 406.3 km ora,nel 1980 la prima trazione integrale su auto sportive,piu' tutti i dominii 24 ore di le mans(vinta per la prima volta nella storia da un diesel),nei rally,nei campionati dtm,piu' le centinaia di gare vinte nella storia del marchio.... Non si arriva a questi risultati semplicemente per brand o pubblicita' ben fatta(come sostiene qualcuno anti-audi),e non mi risulta che,negli anni in cui audi introduceva novita' a raffica(in europa,contento gigi?),le altre case europee abbiano osato,come ha osato lei... Fatto sta' pero' che dopo,tutti quanti hanno preso spunto dalle novita' introdotte da audi,come lei ha preso spunto dalle novita' introdotte dagli altri..... Non mi sembra quindi che gli altri marchi meritino di piu' perche' forti di maggior brand....ma stiamo scherzando? Il brand audi e' frutto anche e sopratutto delle proprie vittorie agonistiche sul campo,e gli altri? Mercedes ad esempio,e' in f1,MA NON DA SOLA,con telaio mclaren ha fatto grandi cose,ma poi? Bmw,non ne parliamo,ha abbandonato il campo con la coda fra le gambe....per cosa? Eppure se si parla con un fanatico bmw,sembra che la storia delle competizioni l'abbiano fatta loro! Inoltre trovo molto interessante la storia dell'automobile descritta dal gigi....non fosse che oggi le parti sono totalmente invertite,e cioe' che meta' dei marchi da lui descritti non esiste piu',e l'altra meta' ha fatto una involuzione spaventosa(salvo alcuni che pero' non sono piu' di proprieta' del marchio stesso),concludendo,attualmente il top della produzione mondiale dell'auto e' qui in europa...e in giappone. Le case americane,salvo pochissimi midelli,ormai sono alla frutta e le innovazioni ultime se non le introduce una tedesca,le introduce una giapponese.. Morale? La storia serve a fare le basi per il futuro,non a perdersi dentro a essa...e se guardiamo la crescita paurosa di audi e del gruppo vw,a livello mondiale,si puo' notare che se c'e' qualcuno che effetivamente ci ha sapuo fare nel fare e commercializzare auto,negli ultimi anni,quello e' sicuramente il gruppo vw,piu' di ogni altro... Andare a mangiare fette di mercato a mercedes e bmw non e' certamente da tutti,ma audi c'e' riuscita... Aspettando la new generation di audi cui piu' che mai si addice il motto"all'avanguardia della tecnica",informarsi per credere.... Inviato da: Furia romagnola
Fantastico Bravissimo Gigi, mi complimento per la tua incredibile cultura automobilistica, si nota chiaramente che sei un vero cultore. E la differenza con il tifoso sempliciotto emerge in modo dirompente. E' un piacere leggerti ed apprendere edotte informazioni che nemmeno io conoscevo. E di questo ti ringrazio! In fondo, il blog è più formativo in questi casi, quando si apprendono informazioni che arricchiscono la nostra passione, non quando si leggono opinioni spicciole, trite e ritrite di cui, personalmente, non m'importa nulla: a me piace una macchina, a quello no, quell'altro la ritiene un aborto, per un altro ancora è geniale. Ok, auguri! Ma cosa ce ne importa? Come tale lettura potrebbe arricchire le nostre conoscenze? D'altronde, sui gusti non si discute. Appunto, non si discute! Non ti curar di quell'altro, lascialo ciarlare: come avrai capito, nemmeno lui sa cosa scrive. Inviato da: Giorgio
E, sulla cabrio rivoluzionaria... L'architettura V 12 è stata inizialmente utilizzata in aeronautica da Renault e Sunbeam, cui si aggiunsero le tedesche Daimler e Maybach per spingere gli Zeppelin. In campo automobilistico il V 12 venne utilizzato quasi esclusivamente in costose auto sportive e auto di lusso per la potenza, la mancanza di vibrazioni ed il tipico sound distintivo. A tal proposito, la Packard Twin Six del 1915-16 fu la prima automobile di serie motorizzata con un V 12 ed era cabriolet (la casa ebbe anche il merito di aver già introdotto un'altra STRAORDINARIA innovazione: il comando di sterzata a volante). Seguirono Auburn, Cadillac, Packard, Lincoln, Franklin, Rolls-Royce, Pierce-Arrow e Hispano-Suiza. La Horch type 600-670, cui si riferisce la mascotte, descrivendola come "la prima cabriolet al mondo di lusso con motore a 12 cilindri a v di 6 litri,un autentica rivoluzione per l'epoca" è del 1931...un po' in ritardo e, soprattutto, NON RIVOLUZIONAVA NULLA. Addirittura Cadillac, già nel 1930, aveva presentato e messo in produzione la Sixteen, a 16 cilindri, anche cabrio! Inviato da: Gigi
beh .... se uno apprende nozioni di storia dell'automobilismo da libri inaffidabili, alla fine non credo poi sia neanche tanto colpa di chi legge,ma di chi scrive certe cose... Rimane il fatto che in europa(evidentemente i libri da me letti non tenevano conto delle case extraeuropee),Audi in moltissime occasioni ha segnato il passo,ed ha aperto nuove strade coi suoi prototipi leggendari,e le sue vittorie sul campo... Ultimamente per esempio,bmw sta' timidamente tentando la strada dell'ibrido,tecnologia gia' superata da prototipi a energia solare,o a idrogeno. La cosa buffa,tuttavia,e' che bmw propone tecnologie ibride,non su una serie 1 o 3,ad esempio,dove avrebbe molto piu' senso... No,si passa direttamente a x6,e giu' di li',in quanto a segmenti... Ora,non sto' a riportare le critiche che la massa ha gia' ampiamente fatto al sol concetto di bmw x6,ma addirittura,proporre mezzi simili ibridi.... Un po' come dire,che se vogliamo inquinare meno,tutti si debbono munire di x6,ibrido a 100000 euro franco concessionario.... Credo che idiozie simili,siano ben piu' ridicole di chi,si ritiene appassionato d'auto,ed elogia tali creazioni.... Evidentemente l'appassionato bmw e' tale,solo in quanto,basta che veda ogni innovazione senza senso dell'elica,per sbavare davanti al concessionario... Io invece ci vedo,assurdita' tecnica,spreco di tempo,soldi e cervelli,insensatezza di base. Sono ben altri i mezzi da dotare di motori a combustibili alternativi(o elettrici),e sopratutto vanno commercializzati a basso prezzo... Non saranno 4 modelli ibridi sul totale del mercato a far si' che l'inquinamento cali....e bmw PRECEDE la concorrenza,proprio in questo...l'insensatezza di alcuni suoi modelli... Del resto basti guardare l'elenco di vittorie e record di velocita' e affidabilita' che appartengono ad audi, Oltre ai primati storici sulla sicurezza come il procon ten,il pretensionatore delle cinture(prima casa al mondo),l'ovvia trazione integrale quattro,l'attuale disposizione di volante a sinistra e leva del cambio centrale sul"pavimento" dell'abitacolo,audi 100 col suo cx di 0,30 che guido' letteralmente le altre case automobilistiche europee,verso il pensare all'aerodinamica,per risparmiare carburante e aumentare le prestazioni... Per il resto dei primati,poco importa,in europa certe tecniche le ha adottate audi per prima,a volte,criticata enormemente dalle altre case,che poi si sono accodate a tali,rivoluzionarie idee... Poi,che altri primati li abbia conquistati qualche altro marchio,vorrei vedere....potremmo quindi parlare di monopolio se non fosse cosi'! Parlando di mascotte,gigi,potrei tranquillamente metterti per quella di bmw,visti i tuoi ostinati e continui(e invasati),deliri pro bmw... Persino quando la maggioranza della gente da' contro a un'idea sbagliata(non che lo siano tutte,ma anche bmw ha le sue belle idiozie),di bmw,tu ostini una cocciutaggine che un mulo e' nulla al confronto,arrivando a ripetere all'infinito caratteristiche e depliant di quel modello dell'elica,che ogni bravo venditore,a un cliente pirla,e' in grado di far memorizzare,convincendolo della superiorita' bmw... Evidentemente,con te ci riescono benissimo senza sforzo alcuno.... Non si spiegherebbero certi tuoi post che sono DI FATTO depliant riportati sul blog.....(il che e' celebralmente preoccupante) Inviato da: Furia roamgnola
Infatti. Ehhh...già, Andrea. La nostra mascotte è CRONICAMENTE abbonata alle magre figure...E l'aspetto buffo, oltre ad idiozie ed amenità, è l'infantile immaturità nel non ammetterle. Naturalmente, con tante scuse ai poppanti... Inviato da: Gigi
A quanto pare chi accusava gli altri di dimostrazione di ignoranza, ha dimostrato la sua ignoranza. Inviato da: Andrea - 08/06/2010 11:32:58
ps Non ti sei ancora presentato...con il tuo nome. Inviato da: Gigi
Alluminio La Rolls-Royce Silver Ghost del 1909, una delle prime macchine di lusso "veloci" aveva interni rivestiti in pelle, carrozzeria interamente in alluminio, parabrezza e capottatura pieghevoli. La prima berlina di serie Audi con carrozzeria in alluminio fu l'A8 del 1992. Inviato da: Gigi
Totale pagine 3 | Pagina: 1

Vedi anche

Audi RS4Audi RS4
Pugno di ferro in guanto di velluto.
Audi TT Clubsport quattroAudi TT Clubsport quattro
Un taglio secco e alla TT vola via il guscio
Audi TT Clubsport Cabrio quattroAudi TT Clubsport Cabrio quattro
Parabrezza tagliato, superturbo e raffinatezze tecniche
100 anni di Audi, guarda la mega gallery100 anni di Audi, guarda la mega ...
Dal fondatore August Horch alla R15 TDI, passando per l'era di ...
Audi RS5Audi RS5
Sul palcoscenico di Ginevra ha dovuto fare da damigella alla ...
Audi quattro ConceptAudi quattro Concept
Un omaggio alla storica Audi Sport quattro.
Audi Sport Quattro: rinnegata dal padreAudi Sport Quattro: rinnegata dal ...
Per chi l'ha disegnata, l'Audi Sport Quattro è "terribilmente ...
La nuova Audi A6 2011 in dettaglioLa nuova Audi A6 2011 in dettaglio
Prime 70 immagini della nuova Audi A6. Arriverà nei primi mesi ...
Nuova Audi A6 2011Nuova Audi A6 2011
Sulla nuova Audi A6 2011 si viaggia in prima classe
Audi pensa a una Q1Audi pensa a una Q1
Sono tante le voci che si rincorrono riguardo ad Audi e ai suoi ...
Una mostra di rarità per il 125° compleanno MercedesUna mostra di rarità per il 125° ...
I centoventicinque anni di storia Mercedes in una mostra milanese ...
Audi A1 clubsport quattroAudi A1 clubsport quattro
503 cavalli da scatenare...online

Home | Prove su strada

BMW Serie 2 Active TourerBMW Serie 2 Active Tourer
Trazione anteriore e spazio da monovolume uguale Active Tourer. ...
Cadillac ATS CoupéCadillac ATS Coupé
La Cadillac ATS Coupé si può avere con trazione posteriore o ...
Kia Sportage: Age of Sport IIKia Sportage: Age of Sport II
Alla ricerca del salto perfetto con Kia Sportage
Lexus IS 300hLexus IS 300h
Quella della Lexus IS 300h è la storia di un'ibrida che sposò il ...
Volkswagen Touareg 2015Volkswagen Touareg 2015
Ritocchi al design e aggiornamenti al diesel V6 per la nuova ...

Home | Magazine

Skoda Fabia Wagon 2015Skoda Fabia Wagon 2015
Appena nata, la nuova Skoda Fabia è già pronta a metter su ...
Kia Rio 2015Kia Rio 2015
Ritocchi al viso per il Salone di Parigi
Salone di Parigi 2014Salone di Parigi 2014
Ecco, in ordine alfabetico, tutte le anteprime della fiera ...
Citroën DS3 2015Citroën DS3 2015
Alla DS3 brillano gli occhi con i nuovi fari "Xeno Full Led"
Kia Sorento 2015Kia Sorento 2015
Le prime immagini ufficiali della Kia Sorento 2015
Audi A3 Sportback g-tronAudi A3 Sportback g-tron
La A3 a metano è una A3 vera. Guarda il video
Audi A3 Sedan 1.4 TFSI Audi A3 Sedan 1.4 TFSI
Quando l'apparenza inganna
Audi S3 SedanAudi S3 Sedan
Il pepe sulla coda
Audi A3 Cabriolet 2014Audi A3 Cabriolet 2014
Scopre un angolo di cielo. Con classe
Audi A8 2014Audi A8 2014
Salotto buono e tecnologico
Audi A3 SedanAudi A3 Sedan
La compatta di Ingolstadt mette la coda
Audi A3 Sportback 2013Audi A3 Sportback 2013
L'Audi A3 Sportback 2013 è sviluppata sulla base del nuovo ...
Audi R8 V10Audi R8 V10
Abbiamo provato la nuova Audi R8 V10
Audi RS4 Avant, ora anche in videoAudi RS4 Avant, ora anche in video
Sport e famiglia, la nuova generazione sportiva della A4 ha una ...
Prove auto
Audi TT Roadster Audi TT Roadster
Senza il tetto l'Audi TT diventa ancora più fascinosa
Audi A6 2015Audi A6 2015
Oltre al restyling c'è di più
Audi TT 2015: i prezziAudi TT 2015: i prezzi
Dal mese di ottobre le prime consegne della nuova Audi TT: ecco ...
Audi A7 Sportback 3.0 TDI competitionAudi A7 Sportback 3.0 TDI ...
L'Audi A7 Sportback 3.0 TDI competition celebra 25 anni di motori ...
Audi protagonista a Casa MilanAudi protagonista a Casa Milan
L'Audi TT presentata durante la consegna delle auto ai nuovi ...
Audi RS7 2015Audi RS7 2015
Anche sulla Audi RS7 2015 arrivano i fari Matrix Led
Audi RS5 TDIAudi RS5 TDI
La prima RS5 che dà una scossa alla turbina
Audi A7 Sportback MY 2015Audi A7 Sportback MY 2015
La A7 Sportback MY 2015 cambia sguardo e motori
Audi A3 clubsport quattroAudi A3 clubsport quattro
Con un 2.5 litri da 525 cv, la A3 clubsport è una S3 sedan ...
Audi R8 LMXAudi R8 LMX
Una R8 nata per vederci lungo
Più cv per l'Audi 3.0 V6 TDIPiù cv per l'Audi 3.0 V6 TDI
Il nuovo motore Audi V6 3.0 TDI avrà 218 cv o 272 cv
Audi TT offroad Audi TT offroad
Prove tecniche di una TT allroad?
World Car of the Year 2014: vince l'Audi A3World Car of the Year 2014: vince ...
Battute BMW Serie 4 e Mazda 3
Audi Q4Audi Q4
Con X4, Evoque e Macan nel mirino
Audi primarchitetturaAudi primarchitettura
L'auto dei Quattro Anelli ai confini dell'arte
Audi TT quattro sportAudi TT quattro sport
Da zero a 100 km/h in 3,7 secondi
Audi TT Coupé 2015Audi TT Coupé 2015
Le nuove immagini
Audi TTS Coupé 2015Audi TTS Coupé 2015
Prime immagini online. Ha 310 cv
Magazine auto