Autore:
Luca Cereda

A TUTTO SUV Lavori in corso in casa VW per ampliare la gamma suv. Dopo le già viste CrossBlue e Taigun, debutta al Salone di Ginevra 2014 la Volkswagen T-Roc, che a Wolfsburg stanno pensando di posizionare al di sotto della Taigun. Lunga 418 centimetri, si presenta con una carrozzeria a tre porte e un abitacolo tutto da scoprire grazie a un tetto a sezioni retraibili. Sottopelle, trazione integrale e un potente turbodiesel per scongiurare imbarazzi quando la strada finisce.

TI ROC UN PO’ La Volkswagen T-Roc concept nasce sull’ormai famoso pianale MQB del Gruppo tedesco. Nello stile, si rende facilmente riconoscibile per quel frontale che si discosta un po’ dal trend Volkswagen, meno razionale del solito e un po’ più emozionale: soprattutto perché le classiche linee orizzontali della griglia made in Wolfsburg lasciano spazio ad una trama a nido d’ape quasi eretica.

VISTA MULTIPLA Negli occhi della T-Roc, luci power-led e delle piccole telecamere mobili. A che pro? Servono a riprendere l’ambiente circostante quando la concept viaggia in modalità Offroad, chi guida può visualizzare le immagini direttamente dal display del sistema di infotainment. Anche le luci di coda sono munite di power led e telecamere con funzione  ricognitiva.

SI FA IN TRE Dentro, il piccolo suv offre quattro sedute singole e un dispositivo tablet estraibile con cui gestire le informazioni e l’intrattenimento. Per la strumentazione, invece, c’è un display da 12,3” con grafiche che cambiano a seconda della modalità di guida selezionata: Street, Offroad oppure Snow. Le tre soluzioni variano ciascuna a modo suo i parametri della trazione 4Motion, del motore, del DSG a 7 rapporti, dell’aiuto alle partenze in salita e della marcia assistita in discesa. Il motore è un 2.0 TDI da 184 cv e 380 Nm che promette consumi nell’ordine dei 4,9 l/100 km. 


TAGS: salone di ginevra 2014 volkswagen t-roc concept Salone di Ginevra 2014: tutte le novità