Autore:
Paolo Sardi

NEW ENTRY Sotto i riflettori del Salone di Ginevra ci sarà spazio anche per la Volkswagen Polo 2014, che, arriverà poi sul mercato in primavera, anche se la gamma si completerà poi pian piano nel corso dell'anno. Al di là di un leggero aggiustamento del look, questo model tear porta al debutto nel segmento B contenuti sinora riservati a modelli di categoria superiore.

COME SUA SORELLA Partendo dall’estetica, serve un occhio piuttosto clinico per notare i nuovi proiettori a Led, possibile fiore all'occhiello delle versioni top a partire dal prossimo autunno. Stesso discorso per i lievi aggiornamenti ai fascioni paraurti: nel frontale si allarga la presa d'aria inferiore, mentre in coda cambia soprattutto la zona bassa, dove trova posto la targa. Anche all’interno si respira aria di novità, con rivestimenti inediti, una strumentazione aggiornata e una diversa organizzazione della parte centrale della plancia, che può ospitare sistemi d’infotainment di ultima generazione. Questi ultimi sono parenti stretti di quelli presenti sulla Golf, hanno un sensore di prossimità e possono arrivare a disporre anche del sistema Mirror Link, che consente di visualizzare buona parte dei contenuti dello smartphone direttamente sullo schermo dell'auto.

ALTA TECNOLOGIA La vera chicca della Volkswagen Polo 2014 è però rappresentata dall'ingresso nella dotazione (standard o a pagamento) di gadget elettronici raffinati. Un primo esempio viene dalle sospensioni regolabili eletronicamente, che, tramite il pulsante Sport sulla plancia, possono essere tarate in modo più rigido. Non mancano poi il cruise control adattivo, la telecamera posteriore di assistenza al parcheggio e il Front Assist con modalità City, che vigila sul rischio di tamponamenti, avvisando il pilota, abbozzando una frenata o intervenendo in modo più deciso.

PER TUTTI I GUSTI Ampia scelta, infine, in materia di motori. Tra le proposte a banzina spicca in particolare il mille a tre cilindri turbo da 90 cv della 1.0 BlueMotion (atteso nella seconda metà dell'anno) e meritano una menzione le unità destinate alle versioni BlueGT (con 150 cv e gestione attiva dei cilindri ACT) e GTI (con ben 192 cv). Quanto ai diesel, tutta l'offerta ruota attorno al 1.400 TDI, declinato in tre varianti: da 75, 90 e 105 cv.


TAGS: Salone di Ginevra 2014: tutte le novità