Autore:
Francesca Mondani

CAPITANO, MIO CAPITANO Gli stabilimenti di Dresda che producono la Phaeton chiuderanno presto i battenti. Un disastro annunciato, per un’auto che non ha mai potuto competere con le berline compagne di categoria né per prezzo né per estetica. E così, dopo 14 anni di produzione, la Phaeton esce di scena e passa il testimone, perlomeno sul mercato cinese, a Volkswagen Phideon. La Phideon si posizionerà sopra a un altro modello venduto sul mercato locale, la Magotan, nel ruolo di ammiraglia del marchio. Il nome deriva dalla parola latina “fides” e dall’omonima dea romana della lealtà.

DEBUTTO MLB L’auto è stata pensata espressamente per la Cina ma nulla toglie che possa arrivare anche in Europa come sostituta della Phaeton, ormai in età pensionistica: le misure (505/187/148 cm), da berlina 3 volumi, sono d’altronde quelle giuste. La Phideon sarà la prima Volkswagen a impiegare la nuova piattaforma MLB con motore longitudinale e segnerà anche il debutto di elementi stilistici innovativi (in particolare nel frontale).

COME I GATTI Le novità maggiori si riscontrano però sul versante della tecnologia, dove la Phideon sfoggia soluzioni davvero di livello premium: in primis il sistema di visione notturna (Night Vision), in grado di scoprire ostacoli sulla strada anche al buio e di attivare automaticamente freno e sterzo d’emergenza; ci sono poi l’head-up display, le portiere a chiusura assistita elettronicamente, le sospensioni ad aria, i sedili riscaldati con funzione massaggiante, il cruise control adattivo e, ovviamente, un infotainment di ultimissima generazione che supporta MirrorLink, Android Auto e CarPlay. Il tocco di classe finale è rappresentato dall’illuminazione in tre colori dell’abitacolo.

NON SI ESCLUDE L’IBRIDO Quanto a cavalleria, la Phideon China-spec sarà disponibile in due opzioni turbobenzina (un V6 da 3.0 litri e 300 cv a trazione integrale e un 2.0 quadricilindrico a trazione anteriore), ma in un futuro non troppo remoto si potrebbe aggiungere la terza voce in listino, rappresentata dalla configurazione ibrida. Dal Salone di Ginevra, teatro del suo debutto, la Volkswagen Phideon arriverà sul mercato cinese nell’ultimo trimestre del 2016. La produzione sarà delocalizzata negli stabilimenti di Shangai.


TAGS: volkswagen volkswagen phaeton salone di ginevra salone di ginevra 2016 ginevra 2016 gims 2016 volkswagen phideon berline di lusso mercato cinese