Autore:
Luca Cereda

RADDOPPIO E con questa fanno due. Dopo la Touareg Hybrid, Volkswagen presenta al salone di Detroit il suo secondo modello ibrido, la Volkswagen Jetta Hybrid, che debutterà da novembre 2012 sul mercato americano. Secondo le voci potrebbe costituire il preludio a un prossimo allargamento dell’ibrido nella linea delle compatte (compresa la Golf, per intenderci). La ricetta proposta abbina un 1.4 TSI da 150 cv al sistema di propulsione elettrica alimentato da una batteria agli ioni di litio.

DIAMO I NUMERI Le prestazioni. Sulla Volkswagen Jetta Hybrid motore elettrico e termico, quando lavorano in sincrono, producono un picco di potenza combinata di 170 cavalli, anche grazie al recupero dell’energia in frenata. Il crono nello 0-100 della Jetta ibrida si ferma sotto i 9 secondi, i consumi (dichiarati) si assestano invece sui 5,2 litri ogni 100 km. A gestire le marce c’è un cambio DSG a 7 rapporti. Per due chilometri, non di più, e a una velocità massima di 70 km orari, questa vettura può viaggiare anche in modalità esclusivamente elettrica: basta schiacciare l’apposito tasto EMode. La sua tecnologia ibrida prevede una frizione di separazione tra il motore a benzina e quello elettrico che disaccoppia il motore termico quando si marcia in modalità elettrica o si avanza per inerzia.

AERODINAMICA Di un quintale più pesante della sorella non-ibrida (totale 1500 kg), per via delle batterie, la Jetta ecologista si riconosce esteticamente da una specifica livrea bianca (Oryx White), da uno spoilerino sul muso che la aiuta a migliorare il proprio coefficiente aerodinamico del 10% e dalle luci posteriori a LED. Per il resto basta aggiungere che poggia su cerchi specifici in lega leggera e che calza pneumatici a bassa resistenza al rotolamento.    

TUTTO SOTTO CONTROLLO Anche gli interni hanno sellerie dedicate e una strumentazione specifica, nella quale si fa notare il Powermeter, un display multifunzione che sostituisce il contagiri, integrato nella parte sinistra della strumentazione, informa il guidatore sullo stato di funzionamento della Jetta Hybrid a seconda della condizione di operatività in atto: generale (Ready), recupero dell'energia (Charge), modalità a basso consumo (Eco), modalità boost (Boost) o marcia in sola modalità a combustione, con il TSI (Off).

PER TRE La Volkswagen Jetta Hybrid verrà proposta in tre allestimenti: SE, SEL1 e SEL2. Con il primo c’è il clima bizona e la chance di scegliere tra due modelli differenti di sellerie, il secondo aggiunge invece cerchi da 16 pollici, tetto in vetro, navigatore e regolazione elettrica del sedile-guidatore. L’allestimento top di gamma, il SEL2, porta infine cerchi da 17”, fari bixeno adattivi, telecamera di retromarcia e impianto audio Fender.


TAGS: SPECIALE - Detroit NAIAS 2012