Autore:
Andrea Rapelli

ELETTRICO CANDORE Secondo Wolfsburg, il futuro è elettrico. Perfetto, quindi, per accogliere la Volkswagen I.D. Concept, che sfila (con innocente candore) sulla passerella di Parigi. Manifesto programmatico della VW (elettrica) di domani, la I.D. arriverà sul mercato nel 2020 e affiancherà la sempiterna Golf.

MANIFESTO DI STILE Nel caso non l'aveste capito, la I.D. è la capostipite di una nuova gamma di veicoli elettrici. Che avranno il suo unico, e nuovo, linguaggio stilistico. Adatto, dicono in Volkswagen, a farle riconoscere al primo colpo d'occhio rispetto alle VW vulgaris. Più corta di 15 cm rispetto ad una Golf (410 cm il totale), ha 13 cm di passo in più.

NUOVA PIATTAFORMA Sviluppata sulla base della nuova architettura modulare MEB - nata appositamente per ospitare la propulsione elettrica - la I.D. ha un passo lungo con sbalzi ridotti (per ospitare il pacco batterie piatto agli ioni di litio) e una struttura della zona anteriore che consente un diametro di sterzata da citycar, pari a 9,9 metri. Non solo: le sospensioni posteriori Multilink - insieme alla batteria montata in basso e ad una ripartizione dei pesi quasi perfetta, 48/52 - promettono una dinamica di guida di alto livello.

DA 400 A 600 KM A tal proposito, il cuore è capace di erogare l'equivalente di 170 cavalli, spingendo la I.D. da 0 a 100 km/h in meno di otto secondi e fino a 160 km/h. A seconda delle batterie scelte, l'autonomia varia da 400 a ben 600 km. La ricarica? Attraverso la normale presa di corrente o a induzione: basta parcheggiare l'auto sopra la piastra - operazione che può avvenire anche in automatico, senza conducente - e lei fa il pieno. Con il sistema di ricarica rapida, la I.D. raggiunge l'80% in soli 30 minuti.

ID VW Finita? Macché. Ad ogni cliente verrà fornito uno specifico ID Volkswagen (da qui il nome della concept) che consentirà all'auto di ricordarsi tutto, ma proprio tutto, del proprietario. No, non se preferisce le lasagne o la coda alla vaccinara. Parlo di regolazioni di sedili e clima, configurazione radio e navigatore, contatti di amici e colleghi, il tipo di illuminazione ambiente. Il tutto sta in un cloud: l'auto quindi, tramite la digital key (lo smartphone) del proprietario, riconosce chi si mette al volante. 

PACCO IN CONSEGNA Tutto ciò schiude infinite possibilità di interazione, anche con la casa. Sì, avete capito bene. Grazie alle telecamere potete tenere sotto controllo il vostro appartamento direttamente dall'abitacolo. Oppure, questa Volkswagen può ricevere pacchi per voi dai corrieri quando è parcheggiata a bordo strada: tramite App il bagagliaio si apre e il corriere può così posizionare la merce direttamente nel bagagliaio, chiudere e andarsene. Lo stesso accade con i ritiri.

GUIDA AUTONOMA Ma, dal 2025, la I.D. potrà anche guidare da sola: premendo il marchio sul volante, quest'ultimo scompare nella plancia, l''illuminazione dell'abitacolo cambia e, a quel punto, potete tranquillamente leggervi un libro o sorseggiare del thé. Alla guida penserà la vostra Volkswagen. grazie alla funzione Garage Pilot, inoltre, lei è capace di trovare da sola un posto libero in un parking multipiano. Cose che nella vita quotidiana aiutano, così come l'ampio e arioso abitacolo, con poltrone singole, finiture curate e intelligenti soluzioni per ricavare fino a 900 litri di spazio per i bagagli, con un vano di carico perfettamente piatto. Il futuro non sembra così male...

 

 

 


TAGS: salone di parigi 2016 novità salone di parigi 2016 novità auto salone di parigi 2016 volkswagen i.d. concept novità volkswagen salone di parigi 2016