Autore:
Luca Cereda

DUE PER UNA A Ginevra andrà in scena il nuovo capitolo di un classico, la Volkswagen Golf GTI 2013. E’ infatti pronta la versione di serie che fa seguito alla concept presentata qualche mese fa, declinata in due livelli di potenza massima (220 e 230 cv) abbinati a caratteristiche tecniche lievemente dissimili. Arriverà nelle concessionarie europee solo dal prossimo maggio, ma in Germania hanno già fissato il prezzo: si parte da 28.350 euro.

CONSERVATRICE Lo stile è perfettamente incanalato nel solco delle versioni GTI di Volkswagen, forse un po’ troppo conservativo. Troviamo dunque le pinze freno rosse, il doppio scarico cromato, minigonne ed estrattore posteriore, ma soprattutto i cerchi dedicati, da 17’’ e modello Brooklyn. Niente colpi di testa, però. Quanto agli interni, invece, spicca un audace rivestimento scozzese, oltre ai soliti dettagli dal richiamo corsaiolo sparsi un po’ per tutta la postazione di guida.

DIAMO I NUMERI Tanto la Volkswagen Golf GTI 2013 “standard” quanto la variante più potente, denominata GTI Performance, montano un 2.0 TSI con coppia massima di 350 Nm. Entrambe hanno un cambio manuale a 6 marce di serie e il DSG a sei rapporti come optional. Differiscono ovviamente le prestazioni, soprattutto per i 10 cv in più della GTI Performance (230), che accelera da 0-100 in un decimo di secondo in meno (6,4 sec contro 6,5) e vede i 250 km/h tondi di tachimetro, mentre la GTI liscia si ferma a a 246. Identici, secondo VW, i dati di consumi nel ciclo combinato delle due: 6 l/100 km, che salgono rispettivamente a 6.4 e 6.5 l/100 km col cambio a doppia frizione.

DIFFERENZIALE ANTERIORE ALa Casa giura che rispetto al precedente modello il risparmio nei consumi non è affatto trascurabile: -18%. E le emissioni delle versioni di serie si fermano a 139 g/km di CO2. Quel che interessa maggiormente il target della Golf GTI 2013, però, sono le prestazioni. Che nella versione Performance alzano un filo l’asticella grazie anche a freni maggiorati (340x30 e 310x22 mm contro 312x25 e 300x12 mm) e all’adozione di un differenziale autobloccante sull’asse anteriore.


TAGS: volkswagen golf gti