Autore:
Luca Cereda

REALTA' VIRTUALE Non fosse che per comprare un'auto vale ancora la pena di toccare con mano, sedersi nell'abitacolo, tastarne comodità e qualità, e magari farci un giretto di prova, finiremmo davvero con l'entrare in concessionaria soltanto per staccare l'assegno. Prendete la Giulietta: si è svelata al Salone di Ginevra, nessuno l'ha ancora provata (a noi toccherà tra 10 giorni) e non si sa esattamente quando andrà in vetrina. Tuttavia, mouse alla mano e con un occhio al portafoglio, online l'aspirante alfista può già progettarne nel dettaglio l'acquisto, grazie al car configurator. Tempi moderni…

CREATIVITA' E allora, click dopo click, ecco tutte Giulietta del mondo (vedi gallery): bianca, nera, rossa, blu, grigia, argento, coi cerchi eleganti o sportivi, la pelle nera, o rossa o marrone, e via dicendo. Te la fai come vuoi e come puoi, perché anche quella dei configuratori è una specie in evoluzione: se la Giulietta dei sogni prevede abbinamenti incompatibili col listino (tra un colore e un interno, o tra un motore e un cambio, ad esempio), il software stesso impedisce di procedere.

COMINCIA IL GIOCO Al centro dello schermo c'è un rendering della Giulietta da agghindare come l'albero di Natale; in basso a destra, una piccola finestra dove le cifre del prezzo variano in tempo reale a seconda delle singole scelte. Cominciando da quelle più importanti: motori, allestimento, colore. Le opzioni sotto il cofano sono in tutto cinque: tre benzina (1.4 turbo da 120 cavalli, 1.4 turbo da 170 Multiair, 1750 TBi da 235 cv), due diesel (1.6 da 105 cv e 2.0 da 170 cv).

DETTAGLI A tre gradini invece la scala degli allestimenti: Progression, Distinctive o Quadrifoglio verde (quello più sportivo), tutti descritti nel dettaglio in un'ulteriore finestrella che sinapre cliccando sul simbolo "+”. La tavolozza dei colori infine prevede otto vaschette da cui attingere, contando le varianti di grigio e di nero.

SEMAFORO ROSSO Un click in avanti e si passa agli interni. Una volta effettuata la scelta di campo (pelle o tessuto?), l'operazione è tutt'altro che conclusa; resta la scelta del colore (due per il tessuto, tre per le pelli), del materiale (c'è anche il cuoio), e del tipo di lavorazione, con la possibilità di zoommare sui particolari. Il pallino rosso che compare a fianco ad alcune opzioni serve invece a segnalare l'incompatibilità con le scelte fatte in precedenza.

NOVE CERCHI Dalla sottoveste alle scarpe, il passaggio è immediato: l'offerta, piuttosto variegata, comprende nove tipologie differenti di cerchi. Ci sono da 16, 17 o 18 pollici, a effetto chiaro oppure scuro, con le razze che si moltiplicano a seconda del disegno, più elegante o più sportivo. Tra gli optional ci si destreggia invece come al supermercato: si entra nel reparto (audio-telematica, comfort, stile) e si "spunta” ciò che serve come si fa con la lista della spesa. Dal ruotino di scorta (70 euro) al radio navigatore integrato a scomparsa (1.800 euro), passando per l'assetto ribassato (400 euro), ogni gadget si compra on demand.

DI BASE La cifra di partenza è uguale per tutti: 20.800 euro per averla nuda e cruda, così come appare sullo schermo all'inizio delle operazioni. Di serie c'è l'indispensabile: autoradio con cd e Mp3, clima manuale, chiusura centralizzata e retrovisori elettrici; la carrozzeria è color grigio magnesio (metallizzato), gli interni in tessuto "sprint” nero e il modello dei cerchi è quello base; inutile aggiungere che sotto il cofano pulsa il 1.4 benzina d'accesso.

DI PIU' Aumentando le pretese il prezzo sale. Quanto, dipende dalla fantasia di ciascuno – se col configurator volete solo giocare – o dalla profondità delle vostre tasche, se fate sul serio. Per sfizio anche noi proviamo a configurare la nostra Giulietta non-plus-ultra, partendo chiaramente dall'allestimento Quadrifoglio verde, riservato alla Giulietta 1750 TBi da 235 cv. Scegliamo quindi gli interni in pelle rossa "a Cannelloni”, i cerchi sportivi da 18" scuri con disegno a turbine, il Premium pack (che nella lunga lista di gadget includono i sensori e i fari Bixenon), l'impianto Bose (500 euro), il radio navigatore, il tetto apribile (1500 euro) e, chiaramente, l'allarme con super bloccaggio, perché con tutto ‘sto po' po' di roba... Totale? Guardate pure con i vostri occhi nella foto qui sotto…


TAGS: alfa romeo configuratore