Autore:
Luca Cereda

ELETTRICA D’ORIENTE Dalla Cina (Taiwan, per essere precisi) con furore per sfidare… la Tesla, con un design italiano, firmato Zagato, e partner europei di primo piano come Dallara e Bosch per l’engineering. Già il nome promette scintille: Thunder Power EV. Al Salone di Francoforte 2015 va in scena tutto il resto.

GUSTO LUNGO C’è innanzitutto la berlina, la Thunder Power Sedan, disponibile in due configurazioni: da 230 o 320 kW. La più potente raggiunge i 100 km/h da ferma in 5’’ netti, per arrivare a una velocità massima 250 km/h (la 230 kW ce ne mette 6’’ e ferma la lancetta rossa a 210 km/h). Più impressionante, però, è il dato dell’autonomia dichiarata: 650 km con una singola carica, quasi la metà (300 km) recuperabili allacciando lo spinotto alla presa per una mezzoretta. Tutto ciò grazie a una batteria modulare agli ioni di litio, annegata nel pianale, dalla capacità di 135 kWh.

ANCHE RACING La berlina ha linee molto morbide, un’apparenza eterea, come si addice a un’elettrica, e interni high-tech. Spettacolare la plancia, dotata di schermo TP-Touch a piena lunghezza che raccoglie tutte le funzioni dell’infotainment. Tuttavia, la bella notizia deve ancora venire. La Thunder Power Sedan, che – ci dicono i taiwanesi- arriverà in Europa nel 2017, potrebbe avere una declinazione racing, a trazione integrale, anticipata dalla concept Thunder Power Race. Riconoscibile dall’alettone monstre e tutti gli altri orpelli aerodinamici. 


TAGS: salone di francoforte Salone di Francoforte 2015 iaa 2015 Thunder Power EV