Autore:
Luca Cereda

SUV-COUPE’-CABRIO Impazza la moda del mini-suv, e soprattutto, la Mini Countryman continua a fare proseliti. La riecheggiava – a nostro avviso- la 500L svelata, e ora le strizza l’occhio anche questa Ssangyong XIV-2, concept che ha debuttato al salone di Ginevra. Mini-suv ma anche suvcoupé, come dichiarano inequivocabilmente le sue linee. Nel prototipo che anticipa – probabilmente di molto- la produzione ha anche una capote in tela capace di ripiegarsi e distendersi con un tocco di dito e numerose finiture in fibra di carbonio.

PICCOLO DI CASA Nelle idee della Ssangyong c’è l’intento di realizzare un veicolo premium e modaiolo: e le premesse, a ben guardare questa XIV-2 concept, sembrano esserci. Resta da capire quanto di quel che vediamo ora rimarrà poi nella versione di serie, certo, ma la base di partenza promette bene. C’è un po’ di Evoque, nel taglio della finestratura, un po’ di Countryman, nelle forme e soprattutto nelle dimensioni, che in lunghezza toccano i 4,16 metri e in larghezza i 182 centimetri (in linea con gli ingombri della anglo-bavarese), ma anche alcune soluzioni originali, come il layout del posteriore. Il nuovo modello che nascerà dalla XIV-2 concept è destinato così a diventare il cucciolo di casa Ssangyong, nonché rivale delle varie Nissan Juke, Mini Countryman e Opel Mokka.

SOTTO IL COFANO La Ssangyong XIV-2, il cui nome non è da leggersi come un numero ma come la sigla di “eXciting User Interface Vehicle 2”, può accogliere indifferentemente un 1.6 benzina da 125 cv oppure un omologo diesel da 130 cv: probabilmente sono questi i motori che la Casa coreana ha in mente per il lancio. Resta solo da capire in che tempi questo progetto potrà venire alla luce. Da parte di Ssangyong le intenzioni sono concrete, e pare sia già nei piani una famiglia XIV-2 formata dalle varianti a 3 e 5 porte, dalla quella con carrozzeria più sportiva (coupé) e dalla versione per famiglia (wagon).


TAGS: ssangyong xiv-2 Tutte le novità del Salone di Ginevra 2012, l'elenco aggiornato