Autore:
Paolo Sardi

NELLA TANA DEL LUPO Qual è il mercato principale per i pickup? Gli Stati Uniti, ovviamente, e non è dunque un caso che quelli della Smart abbiano deciso di svelare proprio al Salone di Detroit il nuovo prototipo Smart for-us che prefigura un mezzo da trasporto leggero che potrebbe ampliare un domani la gamma del marchio tedesco. E chissenefrega se le dimensioni sono lontane anni luce da quelle dei muscolosi mezzi da lavoro a stelle e strisce ai quali potrebbe quasi fare da tender. In epoca di downsizing si può fare questo e altro, pensando magari alle consegne da fare nelle isole pedonali o all’interno dei parchi naturtali.

STRETCHING Metro alla mano, la Smart for-us è lunga 355 cm, larga 151 e alta 170, con un passo di 248 cm. Rispetto alle sorelle cittadine modello, la carrozzeria si dà quindi una bella stiracchiata per poter ospitare nel vano di carico anche due biciclette smart ebike, subito alle spalle dell’abitacolo, che mantiene la classica configurazione biposto. E per assicurare la necessaria stabilità anche quando ci si dà ai piccoli trasporti eccezionali, anche le carreggiate si allargano di una manciata di centimetri.

VA IN BIANCO Ammantata da una livrea bianco madreperla che mette in risalto i particolari in alluminio, la Smart for-us è spinta dallo stesso motore elettrico da 55 kW che debutterà a primavera sulla nuova fortwo Electric Drive. Con la sua coppia di 130 Nm permette di toccare i 120 km/h ed è alimentato da un pacco di batterie agli ioni di litio da 17,6 kWh. Chiaramente è ancora presto per dire se questo pickup arriverà o meno alla catena di montaggio, ma nella grande produzione di serie potrebbero trovare applicazione un domani anche i leggeri sedili in tessuto e l’ingegnoso sistema che rimpiazza lo specchietto retrovisore con uno smartphone e una telecamera posteriore.


TAGS: detroit electric drive smart for us SPECIALE - Detroit NAIAS 2012