Autore:
Paolo Sardi

BALLERINA DI FILA Quando è stata presentata nello scorso mese di marzo al Salone di Ginevra la Fabia RS non ha avuto forse tutte le attenzioni che avrebbe meritato. Nonostante fosse esposta sulla punta dello stand Skoda, un po' come Kate Winslet sulla prua del Titanic, si è vista rubare i riflettori da altre étoile, finendo relegata al ruolo di ballerina di fila. Ora però che si avvicina il momento del suo ingresso sul mercato italiano, fissato per il mese di luglio, la piccola ceca da sparo reclama di nuovo a sé i riflettori.

DOUBLE FACE Dalle nostre parti ancora pochi considerano la Skoda un marchio sportivo ma in effetti ha una solida tradizione nelle corse e negli ultimi tempi si è tolta non poche soddisfazioni nei rally, proprio con una macchina derivata dalla Fabia. Logico quindi che i vertici della Casa alata vogliano sfruttare questo traino mediatico, lanciando una versione da sparo della loro piccola, solitamente seria ed impettita, senza tanti grilli per la testa.

ANCHE BICOLORE L'allestimento RS è proposto tanto con carrozzeria cinque porte quanto con quella station wagon, accomunati da luci diurne a Led e da fascioni paraurti inediti. Quello anteriore è movimentato da una grossa presa d'aria con griglia a nido d'ape mentre quello posteriore ospita un diffusore da cui spunta un doppio terminale di scarico. Altri elementi distintivi delle Fabia tuttopepe sono i cerchi a 10 razze da 17", dietro cui s'intravvedono pinze freno verniciate in rosso. A livello di colori è interessante anche l'opportunità di ordinare la macchina con il tetto e lo spoiler posteriore neri, argento o bianchi, invece che in tinta con il resto della carrozzeria.

LA STAFFETTA Una volta nell'abitacolo tengono banco i sedili sportivi con i loghi RS sugli schienali, cui fanno da contorno la pedaliera in acciaio e il volante multifunzione a tre razze, pronto ad accogliere le palette per comandare manualmente il cambio robotizzato DSG a sette marce. Quest'ultimo è la spalla perfetta per il motore 1.4 TSI con iniezione diretta del carburante, valvole di aspirazione ad alzata variabile e doppia sovralimentazione. Un compressore meccanico si occupa di pompare aria nelle camere di scoppio a bassi, mentre ai regimi più elevati si mette a riposo e lascia quest'incombenza a una turbina.

CORRE MA NON BEVE Tutta questa raffinatezza tecnologica dà i suoi frutti. Il 1.400 twincharger eroga la bellezza di 180 cv, con una coppia massima di ben 250 Nm costanti tra i 2.000 e i 4.500 giri. Una volta su strada questi numeri si traducono in uno scatto da 0 a 100 in 7,3 secondi e in una velocità massima di 224 km/h (226 per la Wagon). La percorrenza media dichiarata è invece di 16,1 km/litro.

I CONTI IN TASCA Venendo infine ai prezzi, la Fabia RS costa 20.700 euro mentre la Wagon RS viene 21.330 euro. Le cifre comprendono una dotazione di serie piuttosto interessante, che comprende tra le altre cose il controllo elettronico della stabilità ESP con differenziale elettronico XDS, il climatizzatore semiautomatico, lo stereo, il sistema di assistenza alle partenze in salita HHC e quello di controllo della pressione dei pneumatici TPM. Chiude infine il quadro un assetto sportivo, irrigidito per mettere meglio alla frusta i 180 cv del motore.


TAGS: octavia tsi fabia anche in versione wagon. skoda twincharger 1400