Autore:
Paolo Sardi

I SOLITI NOTI Il 2009 è stato un anno marchiato Seat nel WTCC. La Casa spagnola ha conquistato il Campionato del Mondo Costruttori mentre il titolo Piloti se lo sono giocato in volata due alfieri di Martorell, Yvan Muller e Gabriele Tarquini, con il "Cinghio" uscito alla fine trionfatore. Per l'annata 2010 la musica sembra destinata a non cambiare. Le prime gare hanno visto ancora le Leon sugli scudi, con Tarquini di nuovo dominatore del Mondiale Turismo.

BRAVI, BIS! Per celebrare questi successi e per regalare agli appassionati elvetici la possibilità di sentirsi come i loro beniamini, il distributore svizzero della Seat, l'Amag, si è rivolto agli specialisti della ABT e ha chiesto loro di confezionare una versione speciale della Leon più cattiva, la Cupra R. Il risultato è questa Leon R310 WCE, la cui sigla WCE si spiega proprio come World Championship Edition e che ha come madrina Christina Surer, tanto veloce con la tuta ignifuga quanto affascinante con tacchi e minigonna. Il 310 svela invece subito quanti sono i cavalli che scalpitano sotto il cofano. Proprio come sulla Cupra 310 Limited Edition che la stessa ABT aveva realizzato tempo addietro per il mercato olandese.

A LETTERE CUBITALI La Leon R310 WCE non fa proprio niente per passare inosservata, a partire dalla livrea. Il nero della carrozzeria è movimentato da sticker enormi, che riproducono sulle fiancate la bandiera a scacchi e il nome della versione a lettere cubitali. I quadretti bianchi e neri si alternano anche in una striscia longitudinale, che pettina questa Seat con la riga in mezzo, solcando anche il grande spoiler che sormonta il lunotto. Neanche ce ne fosse bisogno, un ulteriore tocco di sportività viene dai cerchi da 19" a cinque razze sdoppiate e dai freni a disco oversize che fanno capolino alle loro spalle, lavorati da pinze rosse. L'abitacolo è sulla stessa lunghezza d'onda, complice soprattutto il motivo scaccato che fa da ritornello sulla consolle centrale. Il resto lo fanno vistosi sedili sportivi, dotati di poggiatesta integrato e con rivestimento bicolore nero e grigio in Alcantara, e il volante multifunzione con la parte bassa della corona appiattita.

DI BENE IN MEGLIO Quanto alla meccanica, i tecnici ABT hanno lavorato soprattutto sulla mappatura della centralina che governa il due litri TSI sovralimentato e a iniezione diretta di benzina patrimonio del Gruppo Volkswagen. Il chip tuning dà i suoi frutti, visto che porta in dote 45 cv e 40 Nm. I nuovi picchi di potenza e di coppia sono quindi di 310 cv e di 390 Nm. Una volta su strada, questa Leon può raggiungere eventualmente i 270 km/h, dopo aver sbrigato la pratica 0-100 in soli 5,8 secondi, con un miglioramento dunque di 20 km/h e di 4 decimi rispetto alle prestazioni della Cupra R.

FRANCAMENTE CONVIENE Tirata in soli 200 esemplari, numerati e molti dei quali già aggiudicati, la Leon R310 WCE ha un prezzo di 44.900 franchi svizzeri (meno di 31.500 euro), cifra molto interessante in rapporto alla dotazione di serie, al punto che l'Amag sottolinea un vantaggio per il cliente di 6.380 franchi. Dell'equipaggiamento standard fanno parte infatti, tra le altre cose, i fari bixeno con luci di svolta, il navigatore con touch screen e Bluetooth integrato, il climatizzatore bizona e i sensori di parcheggio, oltre allo stereo con lettore CD e Mp3. Last but not least, ultimo ma non meno importante, nel prezzo è poi compreso anche un corso di guida sicura.


TAGS: edition leon abt surer christina r310 wce world champion Salone di Parigi 2010, l'elenco aggiornato