Autore:
Andrea Rapelli

CHE TESORO Un vero e proprio tesoro di coupé, la Renault Trezor. Perché - seguendo il solco tracciato dalla DeZir - ha l'importante compito di tracciare la strada del look delle Renault di domani. Mica ciufoli...

ACCESSO FACILE Se la tendenza stilistica è questa, non si può che gioire: lunga 4,7 metri, alta uno e larga due, la Trezor ha una presenza scenica forte. Bassa e acquattata sulle enormi ruote, non nasconde le sue mire da sportiva. Nell'abitacolo si accede sollevando una porzione della carrozzeria e i posti disponibili sono solo due.

GUIDA AUTONOMA Il volante diventa più grande o più piccolo a seconda della modalità di guida scelta: una chicca che vedremo sulle Renault a guida autonoma dopo il 2020. E poi display OLED curvi con Gorilla Glass, per evitare spiacevoli (e costose) rotture.

350 CV Notizie interessanti anche per quanto riguarda la meccanica che, anche sulla Trezor, è completamente elettrica. Ecco il motivo del muso pieno, senza prese d'aria per il radiatore... Il cuore di questa concept arriva dritto dalla Renault Formula E: alimentato da due batterie (una per asse, per bilanciare i pesi) esprime 350 cavalli e 350 Nm. I 100 km/h arrivano in meno di quattro secondi, anche grazie al Cx di 0,22 e al peso di 1.600 kg.

 


TAGS: salone di parigi 2016 novità salone di parigi 2016 novità auto salone di parigi 2016 Renault Trezor renault novità salone di parigi 2016