Autore:
Silvio jr. Suppa

TIR I cerchi sono da diciotto pollici. Il paraurti anteriore è allargato e scavato da una presa d’aria che sembra da Tir. E in coda i terminali sotto la targa sono due, ravvicinati, come sulla Clio V6. I sedili posteriori ci sono ancora e la sonorità del motore viene dal cofano – non da dietro le spalle – ma la Mégane Renault Sport farebbe venire voglia di scendere subito in pista, anche al più tranquillo dei papà, aggressiva e stilosa com’è. Un giocattolone rapace che si muove sotto la spinta di 225 puledri griffati

RAPACE

La Mégane Sport mantiene tutte le promesse che alla divisione sportiva della Régie sono abituati a onorare più delle cambiali. Almeno sulla carta: due litri di cilindrata, turbo hard stile anni ’80, avantreno modificato e freni super da 320 mm sulle ruote anteriori e 300 dietro. Con pinze a quattro pistoncini, ventilazione (davanti) e uno spessore da bistecca Fiorentina. E in più, il 90% dei 300 Nm di coppia è disponibile fra i 2000 e i 6000 giri/min.

SECONDI

Inutile citare le prestazioni: 6,5 secondi dichiarati da zero a 100 km/h, chilometro da fermo in 26"7. La velocità massima da Parigi non l’hanno ancora rivelata, forse per scoraggiare chi sull’alluminio dell’acceleratore intende consumare le suole. Ma già l’antipasto è molto ricco, anche considerando che nel ciclo misto si bevono 8,8 litri/100 km. Omologazione antinquinamento Euro 4.

TAILOR-MADE

Per i "méganisti" che sceglieranno la più potente della gamma la dotazione si preannuncia più che completa: sistema di sorveglianza pressione pneumatici, cruise control, luci e tergicristallo automatici, ESP, fari allo xeno in opzione e tutto quello che di elettronico ci può essere su una compact. Con la possibilità, tipicamente riservata ai clienti Renault Sport, di personalizzare l’allestimento da serie speciale scegliendo i dettagli. Da notare che la Mégane RS si farà anche a cinque porte. Per i padri di famiglia di cui sopra…

TAGS: renault mégane rs