Autore:
Marco Rocca

VIA LA CODA Senza colpo ferire, dopo la tre volumi, arriva dalla Cina la Qoros 3 Hatch. Via la coda a tutto vantaggio di una linea più sportiva e grintosa particolarmente apprezzata alle nostre latitudini. Se la notizia o, meglio, l'auto vi incuriosisce sappiate che la toccheremo con mano alla prossima rassegna ginevrina ma, se parliamo di consegne, a meno che non viviate in Cina dove debutterà a metà di quest’anno, non la vedrete a breve. Per il vecchio Continente ancora non è dato sapere nulla a riguardo.

MISURE GENEROSE  La grande bellezza della Hatch è frutto della matita di Gert Hildebrand che per lo meno non ha lesinato centimetri preziosi in funzione della maggior abitabilità possibile: lunga 4,40 metri con un passo di 2,69 metri, è larga 1,84. Questo ha permesso di avere un bagagliaio di 403 litri che raggiunge i 1.105 litri nella configurazione di massimo carico, vale a dire abbattendo i sedili. A sottolineare ulteriormente la versatilità della Qoros 3 Hatch, ci sono una serie di nove vani portaoggetti supplementari sparsi per l’abitacolo.

GLI ALLESTIMENTI Al momento del lancio in Cina come detto, la Qoros 3 Hatch sarà declinata in quattro livelli di allestimento: Essence, Experience, Experience Plus e Elegance con livelli crescenti di equipaggiamento. Due colori per gli interni, Nero Lava e Beige Sabbia e, a seconda della versione, e tre rivestimenti fra cui scegliere, dal tessuto Classic, al mix tessuto-ecopelle Stylish per finire con la  pelle.

CONNESSA OVUNQUE Al capitolo dotazioni di serie comune per tutte le versioni (ma non comune per la concorrenza europea), rispondono presente! all’appello il sistema Qoros MMH per l’infotainment con la chicca del touch screen da 8" con comandi gestuali (analoghi a quelli degli smartphone per capirci), i servizi di connettività 3G con navigazione satellitare avanzata e accesso alla rete, l'interfaccia Bluetooth, alzacristalli elettrici posteriori e specchietti retrovisori esterni regolabili elettricamente. Se tutto ciò non dovesse bastarvi sappiate che anche la strumentazione comprende uno schermo a colori TFT da 3,5 pollici ad alta risoluzione per offrire informazioni relative all'autonomia residua e alle indicazioni del sistema di navigazione.

SOTTO IL COFANO I cuori pulsanti che andranno a equipaggiare la Qoros 3 Hatch sono due, gli stessi già visti sulla Sedan dell’anno scorso. Per rinfrescare la memoria si tratta di due 1.600 a benzina. Il primo, aspirato, eroga 126 CV e 155 Nm a 3.900 giri archiviando la pratica 0-100 in 11,6 secondi se si sfrutta il cambio manuale, che salgono (?!?) a 12,6  se si usa il doppia frizione sviluppato dalla Getrag. Il secondo motore è più potente, grazie al turbo, con 156 CV. In questo caso la coppia sale a 210 Nm tra 1.750 e 5.000 giri e lo 0-100 viene coperto in 9,7 secondi per 210 orari di velocità massima. In questo caso l'unica opzione disponibile, in fatto di trasmissione, è il doppia frizione DCT a sei rapporti. Siete curiosi di conoscere i consumi? Per l’aspirato si parla 6,1 l/100 km che salgono a 6,3 nella versione manuale, fino a raggiungere i 6,5 sulla variante turbo.

PIATTAFORMA OK Come nella Sedan le sospensioni della Hatch prevedono all'anteriore montanti McPherson e un retrotreno con assale torcente a forma di Omega per offrire, come dicono alla Qoros, un ideale equilibrio tra comportamento reattivo e stabilità di marcia. Vedremo. Alla voce freni troviamo dischi autoventilanti anteriori da 305 mm e da 285 mm al retrotreno mentre alla voce sicurezza ci sono 6 airbag, controllo di trazione, Cornering Brake Control, Hill Assist, e sistema controllo pressione pneumatici (ma solo sui due allestimenti più ricchi). 

COME LE RICONOSCI  A sottolineare lo sguardo di tutti i modelli ci sono le luci diurne a Led, mentre sulla variante top di gamma, la Elegance, arrivano anche i fari allo xeno. La turbo a sua volta è riconoscibile rispetto all'aspirata per il doppio terminale di scarico. Completano il quadro i tre differenti disegni dei cerchi in lega (da 16, 17 o 18 pollici) e le sei tinte disponibili per la carrozzeria, tra cui quattro metallizzate senza alcun sovrapprezzo. Si ma allora quanto costa la Qoros 3 Hatch? Ancora buio totale.

 


TAGS: qoros 3 hatch Salone di Ginevra 2014: tutte le novità