Autore:
Paolo Sardi

A CARTE SCOPERTE A Stoccarda hanno deciso di risparmiare a tutti la classica manfrina. Inutile stare a nascondersi dietro un dito, a custodire come un tesoro il segreto di Pulcinella. Dopo aver annunciato a febbraio l'arrivo della Cayman, una nuova coupé destinata a collocarsi in listino tra la Boxster e la 911 Carrera, ora ne svelano anche le forme. Poco conta che il debutto sia fissato per settembre, al Salone di Francoforte: Porsche mette già le carte sul tavolo, con quella punta di sfacciataggine di chi sa di avere da giocare una buona mano.

MISS MUSCOLO Nonostante nuovi fari ovali e diverse prese d'aria, le linee del frontale mantengono uno spiccato family feeling con gli altri modelli. I principali elementi di novità sono rappresentati dal padiglione e dai parafanghi posteriori. In entrambi i casi i designer hanno scelto forme insolitamente bombate, che danno alla Cayman un'aria particolarmente muscolosa e atletica, esaltata anche dalla forte inclinazione del parabrezza.

OCCHIO AL DETTAGLIO Complice il passo particolarmente lungo, vista da dietro, questa Porsche finisce così con l'avere davvero fattezze da caimano, come se fosse pronta a balzare in avanti sotto l'azione di potenti zampone da 18". A parte le forme generali, molti sono anche i dettagli che rendono ancor più grintoso l'aspetto della Cayman, a partire dalle prese d'aria che si aprono subito dietro le porte, per finire con il doppio terminale di scarico centrale.

PETTEGOLEZZI Della Cayman si sapeva comunque già molto, come del motore a sei cilindri boxer da 3,4 litri e 295 cv sistemato in posizione centrale, subito davanti all'asse delle ruote posteriori. La coppia massima annunciata è di 340 Nm, stabili tara i 4.400 e i 6.000 giri. Sono valori che dovrebbero garantire ottime doti di ripresa, mentre per l'accelerazione 0-100 e per la velocità massima i dati dichiarati sono di 5,4 secondi e 275 km/h.

NON SOLO MANUALE Due sono le possibilità di scelta sul fronte cambio: un manuale a sei marce e un automatico Tiptronic S con funzione sequenziale azionabile tramite pulsanti al volante. La trazione, invece, è sempre e solo posteriore. A dare una mano a gestire l'esuberanza della meccanica c'è di serie il controllo elettronico della stabilità PSM mentre le sospensioni attive PASM, possono essere ottenute a pagamento.

CARICA BENE Le scelte progettuali hanno imposto la rinuncia ai due strapuntini dietro il pilota e il suo secondo a vantaggio di una miglior centratura dei pesi. Una simile struttura assicura tuttavia anche una buona capacità di carico. Dietro il portellone posteriore si apre un vano da 260 litri e uno da 150 è ricavato nella zona anteriore. Quanto ai prezzi per l'Italia, dove la Cayman arriverà a fine anno, non si sa ancora nulla di preciso ma si parla di un prezzo base sul mercato tedesco di 58.529 euro. Quanto basta per dare filo da torcere anche alla stessa 911.


TAGS: porsche cayman