Autore:
Matteo Gallucci

MULTISPAZIO PSA Piccolo, spazio, pubblicità. Lo possiamo riassumere così, con una canzone di Vasco Rossi, il nuovo multispazio di Peugeot presentato allo stand Peugeot al Salone di Ginevra 2018. Si chiama Peugeot Rifter e nasce dal progetto comune del Gruppo PSA che ha portato alla luce i gemelli diversi: Citroen Berlingo e Opel Combo Life. Guarda il nostro video live dal Salone.

DUE CARROZZERIE Di fatto il nuovo Peugeot Rifter è l'erede naturale del Partner Tepee attualmente in listino e offre la possibilità di scegliere tra due varianti di carrozzeria lunghe rispettivamente 4,4 e 4,75 metri. I posti a sedere possono essere cinque o sette rispetto alla versione scelta e i sedili della seconda e terza fila possono essere estratti. Infine il sistema Magic Fleet reclina i sedili stessi nel pianale per poter sfruttare tutto il vano di carico che ha una capacità pari a 775 litri in conformazione standard e raggiunge i 4.000 litri mantenendo solo 2 posti nella versione lunga.

INTERNI OPEN SPACE Grande l'effetto scenico del tetto panoramico Zenith con tendina elettrica e illuminazione a Led e porta oggetti centrale. L'i-cockpit Peugeot viene trasferito anche sul nuovo Rifter con il tipico volante dalla corona piccola abbinato al sistema di infotainment rivolto verso al guidatore. La plancia viene dominata dallo schermo da 8 pollici compatibile che integra il sistema di navigazione 3D Connected Navigation con comandi vocali e informazioni sul traffico in tempo reale by TomTom Trafic e i moduli Apple CarPlay e Android Auto oltre al sistema di Mirro Link per smartphone.

ALLESTIMENTO GT LINE Oltre all'i-cockpit, Peugeot Rifter attinge alla gamma del Leone aggiungendo al suo listino una versione GT Line più modaiola e sportiva. Anche il look vuole la sua parte, quindi i cerchi sono ora in lega diamantati e crescono a 17 pollici, la mascherina anteriore, la calotta dei retrovisori e le barre al tetto presentano finiture nero Onyx mentre all'interno il volante è in pelle, e la strumentazione ha un disegno specifico come il rivestimento di tessuto Casual.

MOTORI E 4X4 Sotto al cofano troviamo propulsori benzina 1.2 litri Puretech da 110 e 130 cv e motori diesel 1.5 BlueHDi da 75, 100 e 130 cv con sistema SCR. Solo per le unità più potenti è disponibile il cambio automatico a otto rapporti EAT8. La trazione integrale è di tipo elettronico, con controllo del differenziale anteriore, disponibile con l'Advanced Grip Control e Hill Assist Descent Control. In futuro arriverà in gamma una versione a trazione integrale più classica grazie alla partnership con Dangel.

A ME GLI ADAS Tutti i sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione del Gruppo PSA vengono adottati anche dal Peugeot Rifter per garantire la massima sicurezza a bordo possibile. La lista è lunga e vede la possibilità di avere: l'Adaptive Cruise Control, lo Speed Limit Detection, l'Active Lane Departure Warning, il Drive Attention Alert, l'Active City Brake, l'High Beam Assist, l'Active Blind Corner Assist ed il controllo di stabilità specifico per il traino del rimorchio.


TAGS: peugeot salone di ginevra 2018 ginevra 2018 peugeot rifter Peugeot Ginevra 2018