Autore:
Gilberto Milano

DA 5 A 508 A Ginevra l'avevano esposta su una pedana un po' defilata dal centro dello stand del Leone, ancora allo stato di concept car, ma appena l'occhio le si posava sopra rimaneva colpito da quelle forme eleganti e insolite per una Peugeot. Si chiamava 5 by Peugeot e anticipava in toto quella che pochi mesi più tardi sarebbe diventata la nuova media di Casa che vediamo oggi attraverso le prime foto ufficiali.

 

FOTOCOPIA Da allora a oggi le linee non sono cambiate, come invece spesso accade nel passaggio da concept a vettura di serie, e anche senza l'abbondanza di cromature della 5 by Peugeot la nuova 508 mantiene intatta tutta la sua raffinatezza stilistica. Il salto rispetto al passato è evidente, anche se forse ci si sarebbe aspettata un po' più di trasgressione, soprattutto dopo la dichiarazione di intenti di Peugeot di voler rivoluzionare il proprio design ispirandolo ai codici stilistici della concept car SR1 e, soprattutto, dopo la presentazione della RCZ, vettura che segna la linea di confine tra il passato e il futuro della Casa parigina.

PIU' ELEGANZA Lo stile è quello di una ammiraglia compatta, che vuole trasmettere classe ed eleganza senza rinunciare a dei tratti sportivi, anche se meno marcati rispetto ai modelli attualmente in produzione. Non c'è più, per esempio, quella bocca enorme che contrasta con il resto del corpo e che ha caratterizzato l'ultima produzione del Leone; ora la calandra è più contenuta, sempre a trapezio rovesciato ma meno aggressiva, con i fendinebbia molto arretrati, i fari tipici Peugeot che scolpiscono il muso senza però essere così invadenti come in passato, e con un cofano alto e bombato che esprime forza e autorevolezza al tempo stesso.

 

CINTURA LUNGA Bello l'andamento della linea di cintura, alta ma non troppa, che partendo dall'angolo alto della calandra segna il profilo del faro e quindi della fiancata fino a scendere nel posteriore dove, senza soluzione di continuità, abbraccia anche il profilo del faro per dare forma al portellone. La coda sembra avere un volume rialzato come sulla prima Bmw Serie 7 che dona imponenza oltre, probabilmente, a un maggiore volume del baule. Meno originale invece la coda della SW, l'altra versione con cui viene proposta la nuova 508, senza dubbio slanciata, con un montante posteriore meno caratterizzante rispetto a quello della berlina e un paraurti sporgente in corrispondenza della base del portellone.

 

INTERNO FRANCESE Eleganza e sobrietà che si ritrovano anche all'interno, con una plancia molto pulita, una strumentazione classica, un bel display al centro e tutti i comandi raccolti nella parte bassa della plancia centrale e del tunnel centrale (oltre che sul volante) in modo da avere tutto a portata di mano destra.

 

PIU' LUNGA Le dimensioni sono superiori a quelle della 407 che va a sostituire, ma con i suoi 4,79 metri la 508 si avvicina molto anche alle dimensioni della ammiraglia 607, che di metri ne misura 4,9. A 4,81 metri si ferma invece la SW, circa 4,5 cm in più di quella che sostituisce. Entrambe saranno probabilmente le vedette dello stand Peugeot al Mondial dell'Automobile di Parigi, in programma il prossimo due ottobre, mentre per portarsele nel box di casa si dovrà attendere l'inizio del 2011.

 

C'E' ANCHE HYBRID La 508 proporrà motori adatti al suo ruolo, compreso il nuovo sistema e-HDi (Stop&Start di nuova generazione) mentre dalla metà del 2011 l'offerta di motori sarà integrata dalla versione HYbrid4, con 147 kW (200 CV), quattro ruote motrici ed emissioni a partire da 99 g/km di CO2.


TAGS: parigi berlina l'elenco aggiornato 407 508 607 mondial salone di parigi 2010 motor show 2010 Le ibride in commercio e quelle in arrivo Tutte le auto in arrivo