Autore:
Paolo Sardi

DOPPIO ZERO Il primo a essere contento della notizia sarà il Leone rampante che campeggia sul cofano e che finalmente potrà mettere il naso fuori dai nastri d'asfalto, vivendo un po' in mezzo alla natura. A partire dal secondo semestre del 2007 la Peugeot debutterà nel settore delle Suv, anche se lo farà con un modello non troppo specialistico, che sarebbe forse più corretto definire crossover. Un concetto nuovo per la Peugeot, che, a sottolineare l'evento, rispolvera il doppio zero già visto con la 1007 e battezza la neonata con il nome 4007. Come anticipato a suo tempo e come avranno colto i più fisionomisti, l'auto è in pratica una rivisitazione della Mitsubishi Outlander.

UNA E TRINA La Casa dei tre diamanti ha stretto un accordo con il gruppo PSA a luglio del 2005 per occuparsi della progettazione e della produzione in Giappone di quest'auto, che sarà poi declinata anche in una variante Citroën, chiamata C-Crosser. La produzione prevista per i due marchi francesi è di circa 30.000 esemplari all'anno.

A BOCCA APERTA Nella 4007 il gene dominante appare almeno a prima vista quello Peugeot. Nonostante la forma allungata, non sono giapponesi neppure i fari, che creano un forte family feeling con gli altri recenti modelli della Casa francese. Come ormai prassi, a dominare il frontale è l'enorme bocca che fa da presa d'aria e che qui è movimentata da una sfilza di listelli cromati verticali. Ai lati catturano l'attenzione i piccoli fendinebbia, a loro volta con cornicetta cromata e inseriti in vistose feritoie che guidano lo sguardo verso i carnosissimi passaruota. Se tutti questi elementi sono molto originali, la fiancata e la coda restano più aderenti al progetto originario della Outlander, rendendo evidente la discendenza dallo stesso ceppo etnico.

SI PARTE A GASOLIO Lunga 464 cm, la 4007 adotterà sicuramente il motore 2.2 HDi di ultima generazione. Vista la necessità di privilegiare le doti di spunto ai regimi intermedi, la sua potenza massima passa dai 170 cv delle versioni stradali a 156 cv, valore comunque di tutto rispetto per una Suv di questa taglia. Stando alle dichiarazioni della Casa, questo motore dovrebbe essere in grado di funzionare anche con biocarburante in una percentuale massima del 30%. Per il momento la Peugeot non ne fa menzione ma in seconda battuta la gamma potrebbe ampliarsi con il 2,4 litri a benzina realizzato dalla Mitsubishi e magari anche con l'HDi 2.0. Pochi dubbi invece per quanto riguarda la trazione, integrale a controllo elettronico e abbinata a un cambio manuale a sei marce.




GUARDALA DA VICINO







TAGS: peugeot 4007 salone di ginevra 2007