Autore:
Luca cereda

UNA SU 12 NON CE LA FA Un’infornata di cinquine che per poco non si fa tombola. Delle ultime 12 auto testate dall’Euro NCAP ben 11 hanno ricevuto il massimo riconoscimento, le fatidiche cinque stelle EuroNCAP. Tra queste c’erano modelli premium come la Bmw Serie 1, l’Audi Q3 e la Mercedes Classe M, ma anche altri più abbordabili per il portafoglio: alcuni remake nostrani (Fiat Freemont e Lancia Thema), le Opel Astra GTC e Zafira Tourer, il restyling della Captiva, la coreana Hyundai Veloster, utilitarie come la Toyota Yaris e addirittura un pick-up, la Ford Ranger, vera e propria sorpresa della tornata. L'unica che si ferma sulla soglia dell'Olimpo è la Lancia Voyager, che ottiene a 4 stelle.

TUTTI SECCHIONI Risultati tanto brillanti, e così diffusi, spingono certamente ad auspicare un’ulteriore stretta sui parametri di valutazione di questi esami; ma, visti i punteggi singoli piuttosto alti (vedi tabella riepilogativa), dall’altra parte va riconosciuto anche il merito delle Case nell’offrire standard di protezione superiori al passato. La sessione autunnale ha colpito in particolare per gli alti punteggi nella tutela del pedone.

PEDONE AMICO Capofila di questa corrente, contro ogni pronostico, risulta la Ford Ranger: primo pick-up a guadagnarsi le 5 stelle Euro NCAP grazie a punteggi di primissimo livello nella protezione degli occupanti adulti (96%) e, appunto, nella tutela del pedone (81%), grazie a un cofano-motore capace di attutire bene il rimbalzo del malcapitato investito. Sufficienza piena nella tutela del pedone – traguardo tutt’altro che frequente – è stata raggiunta anche da Toyota Yaris (60%), Mercedes Classe M (60%) e Bmw Serie 1 (63%).

UN GRADINO SOTTO Per la Voyager griffata Lancia, invece, il pagellino non va oltre le quattro stelle. Alla monovolume del Lingotto, per raggiungere il top, sono mancati alcuni punti percentuali nella protezione dei passeggeri anteriori e in quella dei bambini, in cui la Voyager ha fatto registrare, rispettivamente, il 79% e il 67% dei punti disponibili. Secondo quanto scritto nel report dai tecnici dell’Euro NCAP, le cause principali della mancata stella sono da attribuire alla scarsa protezione di femore e ginocchia del passeggero nell’impatto frontale e nel test del colpo di frusta, oltre che l’impossibilità di disattivare l’airbag passeggero per consentire l’installazione di un seggiolino (rivolto all’indietro) sul sedile anteriore.  


TAGS: yaris ranger serie 1 captiva thema freemont crash test euro ncap voyager zafira veloster