Autore:
Luca cereda

SPRECHEN SIE DEUTSCH? Quando la Doblò parla tedesco cambia nome e marca. Vedere per credere queste prime foto di quest’Opel Combo 2012, van della Casa di Russelsheim realizzato sulla base della Fiat Doblò. Una base che di per sé è una garanzia, considerato che la Doblò è fresco vincitore del premio “Van of the Year 2011” e rimane uno dei più apprezzati nel suo segmento; segno che Opel, pur limitandosi a un’operazione di re-badging, ha voluto andare sul sicuro. A settembre dovrebbe debuttare a Francoforte e, di lì a poco, inizieranno anche le vendite della Combo.

DOPPIO PASSO Un modello, due misure: di lunghezza complessiva (4,39 o 4,74 metri), di passo (2,75 o 3,10 metri) e di altezza (1,85 o 2,10 metri). L’effetto stretching fa variare anche il volume di carico complessivo dell’Opel Combo, da 3.800 (a passo corto) a 4.600 litri (a passo lungo), così come il vano si può configurare indifferentemente a cinque o a sette posti a seconda delle esigenze. Se queste sono prevalentemente di carico merci, oggetti, bagagli e quant’altro, la Combo ha tre assi nella manica: la soglia di carico a soli 54 cm, il portellone incernierato nella parte superiore ed eventualmente (perché di optional si tratta) le porte posteriori scorrevoli.

MOTORI La gamma motori dell’Opel Combo abbraccia in tutto sei propulsori: quattro diesel, un benzina e una bifuel (benzina-metano). Il listino a gasolio include i 1.3 e 1.6 CDTI da 90 cv, il 1.6 CDTI da 105 cv e il 2.0 CDTI da 135 cv; a benzina viaggia invece la Combo 1.4 da 95 cv e, con l’opzione di passare dal serbatoio alla bombola quando più piace, la variante benzina-metano con motore 1.4 da 120 cavalli. Tutti sono abbinati a un cambio manuale a 6 rapporti tranne il 1.3 CDTI, mentre il cambio robotizzato Easytronic è un’optional riservato solo alla versione 1.6 da 90 cv. Il sistema Start&Stop, invece, c’è per tutte tranne le varianti della Combo con Easytronic e bifuel. Al lancio autunnale la “Doblò tedesca” verrà proposta in tre differenti livelli di allestimento: Essentia, Enjoy e Cosmo.  


TAGS: opel combo 2012 Salone di Francoforte 2011: l'elenco aggiornato