Autore:
Luca Cereda

IN TRE LETTERE Dopo l’antipasto offerto dalla GTC arriva il piatto forte. Al prossimo salone di Ginevra Opel porterà l’Astra OPC 2012, la versione più sportiva e performante della compatta tedesca. Che, per intenderci, alle virtù dinamiche della Astra GTC, sulla quale si basa, aggiunge qualche cavallo sotto il cofano e un look ancora più sportivo, ritoccata al frontale e al posteriore.

ABBASSA LO SGUARDO Abbassi lo sguardo e vedi come cambia. Osservata vis à vis, le peculiarità estetiche della Opel Astra OPC 2012 le ritroviamo tutte nella zona del paraurti, che diversamente dalla GTC sfoggia alloggiamenti per i fendinebbia triangolari e raccordati senza soluzione di continuità al sorrisone della presa d’aria centrale. Passati dietro, invece, ecco uno spoiler più pronunciato e una coppia di scarichi minacciosi, incorniciati in un paraurti dal taglio ancora più sportivo.

DUECENTOTTANTA Opel avrà certamente riservato un trattamento spiccatamente corsaiolo anche agli interni, dei quali non abbiamo ancora immagini. Sappiamo però che la Opel Astra OPC monta nuovi sedili sagomati, sensibilmente più leggeri dei precedenti e regolabili in 18 posizioni. Parlando di tecnica, infine, telaio FlexRide e sospensioni performanti HiPerStruts saranno chiaramente di serie, così come dei cerchi di taglia superiore a quelli della GTC (da 18’’ o da 19’’, quindi). Il motore 2.0 turbo a benzina completa il quadro annunciando 280 cv di potenza massima e 400 Nm di coppia. A detta di Opel, quanto basta per garantire una velocità massima omologata di 250 km/h.   


TAGS: opel astra opc 2012 Tutte le novità del Salone di Ginevra 2012, l'elenco aggiornato