Autore:
Luca Cereda

PASSAPORTO STRANIERO La nuova Opel Mokka X parlerà francese. Sarà infatti uno dei prossimi modelli Opel ingegnerizzati da PSA, che ha annunciato l'acquisto del marchio tedesco (ma di proprietà General Motors) all'ultimo salone di Ginevra. Quando la vedremo? Non prima del 2019, stando alle indiscrezioni. Anche perché le novità non saranno poche.

MOKKA E SORELLE Innanzitutto potrebbero cambiare le dimensioni. La Opel Mokka è stata una delle pioniere del segmento dei piccoli SUV, quando uscì la versione ante-restyling (2012), senza X nel nome; ora è quasi “fuori taglia” tra i B-SUV con i suoi 4,28 metri di lunghezza e, soprattutto, più corta di lei, nel listino di Opel, c'è la Crossland X (4,21). Probabile, dunque, che la nuova proprietà intenda ristabilire le distanze allungando un po' la prossima Mokka, considerando anche la presenza della Grandland X al livello appena superiore della gamma.

NUOVI MOTORI Scenari ipotetici che partono da un'unica certezza: la nuova Mokka X nascerà su una piattaforma PSA, presumibilmente la stessa (CMP) destinata alla DS3 Crossback e alla Peugeot 2008 di seconda generazione. Quindi, sotto il cofano, spazio a motori per lei inediti, con il 1.2 Puretech (lato benzina) e l'onnipresente 1.6 Blue HDi sul fronte diesel. Sempre che quest'ultimo non venga scalzato dal nuovo 1.5 turbodiesel destinato ai prossimi modelli Peugeot.

A CONTI FATTI Accedendo alla banca organi PSA, la futura Mokka X potrebbe aprire il listino con un 1.2 benzina al posto dell'attuale 1.4 da 140 cv. E magari diminuire il prezzo d'ingresso, attualmente fissato a 23.450 euro per la gamma a benzina e a 19.800 euro per il diesel.


TAGS: opel opel mokka x nuova opel mokka x