Autore:
Luca Cereda

GIOCO D'ANTICIPO Debutta in privato ad Amsterdam la nuova Mercedes Classe A 2018, lei che sarà una delle protagoniste del salone di Ginevra 2018. Tante le novità, le più importanti nascoste nell'abitacolo o sotto il cofano. Debuttano infatti un inedito infotainment e un motore entry level.

SHARING Il nuovo motore è un 1.3 turbobenzina, frutto dell'alleanza con Renault e Nissan, montato sulla Classe A 200. Sviluppa 163 cv e 250 Nm e ai bassi carichi innesca la disattivazione dei cilindri. Abbinabile a un cambio manuale o all'automatico 7G-DCT, dichiara 5,1 litri per 100 km.

SI ALLUNGA Guardandola spicca un certo slancio. La nuova Classe A ha guadagnato 12 cm di lunghezza, arrivando a 4,41 metri e passo di 273 cm. E aggiunge anche una trentina di litri al bagagliaio, che arriva a 370 litri. E' più macchina, insomma, e nel design, rimasto fedele all'ultima generazione, il muso spinge verso il basso. Piccoli ritocchi limano il Cx fino a 0,25, ma la vera differenza nel look la fanno i fari a LED, ora con tecnologia Multibeam.

USER EXPERIENCE Fa specie che il nuovissimo infotainment della stella debutti sulla sua “entry level”, ma tant'è. Il sistema multimediale MBUX (Mercedes Benz User Experience) proietta le informazioni su due schermi della plancia su più livelli. Il multimedia ha uno schermo touch, ma risponde anche ai comandi vocali e agli input che arrivano dall'inedito pannello tattile montato sulla consolle centrale. E' connesso, e sfruttando internet permette di fruire direttamente di alcune informazioni in tempo reale. La navigazione sfrutta invece la possibilità di comunicare con le altre auto e con le infrastrutture, oltre alla realtà aumentata: immagini registrate dalla telecamera anteriore dell'auto.

IL SEGRETARIO Merita poi un discorso a sé il Voicetronic. Che cos'è? Si può considerare una sorta di Siri by Mercedes, un assistente vocale che risponde ad alcuni comandi piuttosto diretti. Volendo attivare l'aria condizionata, ad esempio, basterà dire “ho caldo”. Ed è in grado di funzionare anche senza essere connesso a internet.

CI VEDO DOPPIO? Il doppio schermo è l'elemento che ruba la scena negli interni (più spaziosi) della nuova Mercedes Classe A, rinnovati anche in alcuni dettagli come le bocchette di aerazione. Di serie troviamo due schermi da 7 pollici, oppure uno da 10,25'' insieme a uno da sette, mentre le versioni top-di-gamma dispongono di un quadro strumenti da 10,25''. E' sempre optional l'head-up display, altra new entry. Tre più una le linee di allestimento: Business, Sport e Premium, più la Edition 1 in fase di lancio.

ADAS Passando dietro al volante, una certa differenza la faranno gli assistenti alla guida disponibili, mutuati dall'ammiragli della Casa, la Classe S. Cruise adattivo e mantenitore di corsia lavorano in tandem, guidati da telecamere e radar, per tenere in strada “da sola” la  nuova Classe A 2018, interfacciandosi con il navigatore e seguendo il flusso del traffico. Ci sono poi la frenata automatica d'emergenza con sterzata automatica per evitare gli ostacoli, Blid Spot Assist attivo, il riconoscimento dei segnali, il Pre-Safe Plus e l'Attention Assist.

IL RESTO DELLA GAMMA Tra i motori, oltre al già citato 1.3 turbobenzina, si segnala il 2.0 M 260 turbo da 224 cv e 350 Nm della A 250, mentre il 1.5 turbodiesel della A 180 d conta ora 116 cv e 260 Nm.  

E L'IBRIDA? La concept EQA è andata in scena a Francoforte con un doppio motore elettrico; la nuova Classe A non azzarderà tanto ma è lecito supporre che - forse non subito - proporrà comunque in gamma un'inedita versione ibrida plug-in con almeno 50 km di autonomia in solo elettrico. Tutto sta a vedere quando Mercedes deciderà di giocarsi questo asso.


TAGS: mercedes nuova mercedes classe a mercedes glb mercedes classe A 2018 ginevra 2018