Autore:
Andrea Rapelli

DISCO A PARIGI L'avevamo ammirata in alcuni teaser. Da oggi, al Salone di Parigi 2016, possiamo vederla dal vivo: è la nuova Land Rover Discovery, giunta alla quinta generazione. Una Suv da famiglia, tengono a precisare gli uomini Land Rover, che si è allungata di 14 cm rispetto al passato - 497 cm la lunghezza - ma, adesso, è più bassa e stretta di prima (222 cm la larghezza, 185 l'altezza).

0,33 Basta guardarla, con le sue linee affusolate e ispirate alla Discovery Sport, per capire che questa Disco è la più aerodinamica di sempre (coefficiente pari a 0,33). Stile che non sacrifica la praticità: il portellone, ad esempio, è più grande e, aperto, protegge le operazioni di carico dalle intemperie. E lo spoiler posteriore - sagomato in galleria del vento - riduce l'accumularsi della polvere sul lunotto.

LED ADATTIVI Il muso della nuova Discovery è decisamente affilato: parte del merito va anche al taglio dei proiettori a led che (optional) possono diventare adattivi. Ciò significa che il fascio luminoso si adatta a cinque scenari diversi, con altrettante modalità: Campagna, Città, Autostrada, Scarsa visibilità in campagna e abbaglianti.

SPAZIO A VOLONTA' Ma ai papà interesserà soprattutto sapere che la Discovery 2017 offre fino a sette posti (tutti riscaldabili): i sedili di seconda e terza fila possono essere riconfigurati non solo tramite i classici pulsanti (interno portellone e sul montante C) ma anche attraverso lo schermo touch in plancia o perfino a distanza, con il proprio smartphone. Per i piccoli oggetti, poi, nessun problema, perché la nuova Land offre una decina di vani sparsi per l'abitacolo, oltre a quelli classici nelle porte. Senza dimenticare le sei prese 12V e le sette (nove, se si aggiunge il sistema infotainment posteriore) porte USB. 

QUANTI BAGAGLI! Per farla breve, il bagagliaio va dai 258 litri (con i sette posti) fino ai 2.500, se si ripiega la seconda fila. La scegliete a cinque posti? Avrete a disposizione un minimo di ben 1.231 litri... E poi c'è il portellone diviso in due ad apertura elettrica, con una ribaltina in grado di sostenere fino a 300 kg. E vogliamo parlare dell'Activity Key, braccialetto elettronico robusto ed impermeabile fino a 30 metri che permette di chiudere l'auto lasciando le chiavi al suo interno?

SOTTOPELLE La nuova Land Rover Discovery è cresciuta su un pianale in alluminio inedito, più leggero di 480 kg rispetto al precedente, per un peso totale che parte da 2.099 kg (a vuoto). Le sospensioni pneumatiche, tutte indipendenti, sono a doppio braccio oscillante davanti e Multilink con Integral Link dietro. Il servosterzo elettrico, inoltre, è a rapporto variabile e lavora in funzione della velocità.

GASOLIO E BENZINA A muovere la nuova Disco ci pensano motori a quattro e sei cilindri, sia diesel sia benzina. Tutti, naturalmente, con cambio automatico ZF a 8 rapporti e con sistema start&stop. In Italia sarà il quattro cilindri 2.0 180 cv Td4 che arriverà a tre mesi dal lancio a farla da padrone, forte di 430 Nm e un consumo dichiarato di 6 l/100 km. La famiglia dei diesel continua con l'sd4, il 2 litri biturbo da 240 cavalli e 500 Nm, (6,3 l/100 km) e si completa con il 6 cilindri a V, il Td6, da 249 cv e 600 Nm, per un dichiarato di 7,2 l/100 km. Il cuore più potente è però un benzina turbo, l'Si6 da 3 litri. Capace di 340 cavalli e 450 Nm, usa in media 10,9 l per percorrere 100 km ed è in grado di coprire lo 0-100 in 7,1 secondi. 

IN FUORISTRADA Come ogni Land che ri rispetti, anche la nuova Discovery promette grandi cose in offroad, grazie anche a misure notevoli: luce a terra di 283 mm, angolo di attacco fino a 34° (uscita 30°) e angolo di dosso a 27,5°. Inoltre, la Suv inglese può serenamente affrontare guadi profondi fino a 90 cm. Volendo, la Discovery è disponibile con le ridotte: in ogni caso, il 4x4 è sempre permanente, ha il differenziale Torsen e può arrivare ad inviare fino al 78% di coppia sulle ruote posteriori. Dalla Evoque arriva anche il All Terrain Progress Control e non manca il Terrain Response 2. Senza dimenticare controllo velocità in discesa, sistema anti-ribaltamento, rilevatore profondità guado...

QUI SICUREZZA Oltre ai classici angeli custodi elettronici, la Discovery di quinta generazione ha una serie di sistemi che aiutano se si deve rimorchiare qualcosa (fino a 3.500 kg): da quello che aiuta ad agganciare il rimorchio, a quello che evita gli sbandamenti in velocità. Inoltre, si può avere anche il gancio di traino estraibile elettricamente e il sistema che abbassa il posteriore per agevolare le operazioni di "attacco". O per far salire nel bagagliaio i cani senza fatica.

 

 

 

 


TAGS: salone di parigi 2016 novità salone di parigi 2016 novità auto salone di parigi 2016 land rover discovery 2017 land rover salone di parigi 2016