Autore:
Emanuele Colombo

TU VUO' FA' L'AMERICANO Il nome è di quelli che più americani non si può, ma da quando fa parte del gruppo FCA è impossibile ignorare che la Jeep sia anche un po' italiana. In anticipo rispetto a noi europei, negli USA hanno già provato la nuova Jeep Cherokee 2019 ed ecco che cosa ne pensano. A esprimersi sul tema è la prestigiosa rivista Motor Trend, che per cominciare sottolinea come, senza berline a catalogo, Jeep non è solo un costruttore che vende SUV, ma addirittura IL costruttore dei SUV. Che ci sia anche un pizzico di patriottismo a stelle e strisce in questa affermazione? Andiamo avanti.

PIÙ ELEGANTE E RAFFINATA Rinfrescata nel design, ora con un look più convenzionale, la nuova Cherokee cerca di recuperare quote di mercato sulle rivali Honda CR-V, Nissan Rogue, e Toyota RAV4. Gli interni hanno nuovi materiali che definiscono un ambiente più adatto a un prodotto premium e i motori a 4 e 6 cilindri hanno buoni livelli di potenza (da 180 a 271 CV) anche se non abbastanza per rendere la Jeep un'auto propriamente veloce. L'obiettivo di questo SUV, comunque, è offrire praticità nel quotidiano e maggiori doti fuoristradistiche della concorrenza, sottolineano i giornalisti americani.

INFOTAINMENT MIGLIORATO L'infotainment viene valutato positivamente: il sistema Uconnect di ultima generazione, con schermi touch da 7 oppure 8,4 pollici è più reattivo e preciso al tocco ed è compatibile con entrambi gli standard di mirroring Apple CarPlay e Android Auto, rendendo superfluo un navigatore installato nell'auto. Completa la dotazione di sicurezza, che negli USA comprende 8 airbag di serie e tutti i principali sistemi di assistenza alla guida: dal mantenimento di corsia alla frenata automatica di emergenza, con un adeguato corredo di sensori, allarmi e telecamere di manovra.

L'ASSETTO AMERICANO Così come viene messa a punto per il mercato americano, la nuova Cherokee ha un cambio automatico a 9 marce più fluido e raffinato che in passato (e questo lo ritroveremo certamente anche sulle auto per l'Italia), ma anche un assetto che permette troppo rollio e non garantisce sufficiente tenuta delle gomme, oltre a freni spugnosi. E su questi difetti, possiamo stare tranquilli che i tecnici italiani sapranno porre rimedio prima della commercializzazione.

PER UN PUBBLICO ALLARGATO I commentatori americani confermano invece che in fuoristrada la nuova Jeep è superiori alle rivali, anche senza ricorrere alla più specializzata versione Trailhawk. La quale, peraltro, con gomme più massicce, assetto rialzato di 2,5 centimetri, marce ridotte, differenziale posteriore bloccabile e angoli caratteristici più spinti sarebbe davvero in grado di affrontare terreni di grande difficoltà, dicono. Il tutto in un pacchetto altamente desiderabile anche per chi, normalmente, punterebbe su auto dalla vocazione più stradale. Non vediamo l'ora di provare la versione italiana, per verificare le differenze con quella a stelle e strisce.


TAGS: nuova jeep cherokee jeep cherokee 2018 jeep cherokee 2019 nuova jeep cherokee prova nuova jeep cherokee opinioni nuova jeep cherokee pregi e difetti nuova jeep cherokee pro e contro nuova jeep cherokee foto nuova jeep cherokee usa nuova jeep cherokee americana