Autore:
Gilberto Milano

SOGNO O SON DESTO Soddisfatta la voglia di spazio con le monovolume di tutte le taglie, il mercato sembra oggi essersi un pochino stancato delle solite monovolume razionali e spaziose ma emozionanti come una moglie (o un marito) dopo trent'anni di matrimonio. Chi può passa alle Suv, altrettanto spaziose, ma molto più coinvolgenti, sicure, avventurose e persino più belle anche da guardare

A FOCUS SPENTO A smuovere un pochino le acque calme del segmento Mpv ci pensano ora le nuove arrivate, che si presentano con la faccia più aggressiva e prestazioni gratificanti. Ultima in ordine di tempo la nuova Ford C-Max, che per definire maggiormente il taglio (filosofico) con il passato perde addirittura il nome Focus. Da oggi è C-Max e basta, così come per la S-Max, entrambe componenti ora di una stessa famiglia.

PIU' CATTIVA Di aggressività la nuova C-Max ne mette in campo molta. Il viso si ingrugnisce, la bocca si spalanca, diventa onnivora, schiacciando alle estremità le prese d'aria laterali che ora presentano due luci verticali a mo' di denti da piranha. In pratica si assottiglia il paraurti e, con un effetto ottico riuscito, si sposta verso l'alto la linea dei fari dando un'impressione complessiva di un viso più ampio.

LUCI DEL TUBO La mascherina si assottiglia, sovrastata da una barra cromata che delinea anche il profilo basso del cofano, mentre i fari sono completamente nuovi, con la punta del trapezio rivolta verso l'alto a dare maggiore forza visiva al nuovo cofano. Fari che ora possono essere allo Xenon ad alta intensità, con un nuovo disegno delle luci di posizione formate da tubi fluorescenti disposti per esteso sui lati superiori dei fari, in modo da accentuarne il profilo inclinato.

SEDERONE Posteriormente cambia leggermente il paraurti, ora più basso e massiccio, con un tubo di scarico dal design rinnovato, e cambia la grafica chiara dei fari. Niente di speciale, sufficiente però a dare più slancio al sederone della C-Max. Nuovi cerchi in lega da 18" e vetri azzurrati portano invece maggiore eleganza alla fiancata.

NUOVA DENTRO All'interno restano intatte le doti di flessibilità e versatilità del vecchio modello, mentre ritocchi profondi hanno coinvolto il pannello strumenti, la consolle centrale e le portiere, tutti ridisegnati e rivestiti con materiali più lussuosi. Quadro strumenti e consolle centrale si assottigliano, sono meno invadenti per dare un'aria più da berlina al posto guida, mentre i braccioli delle portiere cambiano disegno per offrire maggiore capacità di stivaggio nelle tasche laterali.

PANORAMICA La novità più ambita sarà però il nuovo tetto panoramico in cristallo, un lastrone di vetro che dal bordo superiore del parabrezza si estenderà per tutta la lunghezza dell'abitacolo portando luminosità all'interno e la piacevole sensazione di essere maggiormente a contatto con la natura. Il rivestimento riflettente Solar Reflect penserà a filtrare i raggi solari più invadenti e a tenere sotto controllo la temperatura interna.

NIENTE AMMUCCHIATE La C-Max inoltre non si allinea alla moda dominante del "più siamo meglio è" e resta a 5 posti, con un bagagliaio adeguato al carico umano e con la possibilità di estenderlo nel caso di una coppia in stile due cuori e una capanna. La vettura arriverà nella primavera del 2007 e bisognerà attendere fino ad allora per sapere qualcosa in più. Sia riguardo al prezzo, sia agli allestimenti, sia ai motori.


TAGS: ford c-max Motor Show 2006: di tutto, di più