Autore:
Davide Varenna

PARZIALE NOVITÀ Dopo averla vista come concept car lo scorso settembre, e dopo aver preso confidenza con la versione scoperta lanciata sul finire del 2010, non è tanta la sorpresa nello scorrere gli scatti della nuova serie 6 Coupé, la lussuosa coupé di Casa BMW che è giunta ormai alla terza generazione. A parte la copertura, non si nota infatti alcuna differenza rispetto alla sorella senza tetto e ben poche sono anche le modifiche dalla show-car vista a Parigi. Senza grande clamore, la nuova Serie 6 manda dunque in pensione la generazione firmata da Chris Bangle, rasserenando gli amanti delle BMW più canoniche.

UGUALE E DIVERSA Nonostante il corpo vettura non presenti novità rispetto alla cabrio, il tetto rigido dona alla Coupé bavarese un carattere nuovo. Se la lunga coda ed il leggero tettuccio in tela esaltano l’eleganza delle soluzioni più classiche, l’abitacolo chiuso e tirato verso lo spoiler posteriore sottolinea fortemente il suo carattere sportivo. Con il tetto che scende dolce ed accorcia notevolmente il terzo volume, la Serie 6 Coupé appare infatti molto più raccolta, esaltando i muscoli scolpiti nella carrozzeria.

ELEGANZA SPORTIVA Se la cattiveria cresce rispetto alla sorella scoperta, l’eleganza non viene comunque messa da parte. Grazie alla raffinatissima nervatura a Y e alla dinamica linea di spalla, la vista laterale trasmette molta leggerezza, mentre il montante posteriore a gomito garantisce la giusta forza, indispensabile su una coupé del suo calibro. Molta eleganza si ritrova anche nella coda, dove le superfici più classiche prendono il posto dell’articolato volume che tanto caratterizzava la precedente Coupé.

SI FA SPAZIO A chi reclama la cattiveria della sportiva firmata da Chris Bangle, la nuova Serie 6 Coupé risponde con proporzioni più vigorose: nonostante sia più lunga di 74 millimetri e più larga di 39, la nuova nata di Monaco è infatti più bassa di prima. A mancare all’appello sono però solo 5 millimetri, che non vanno dunque a sacrificare lo spazio a bordo. Al contrario, il passo cresciuto di 75 millimetri dona più libertà agli occupanti dei sedili posteriori, mentre il vano bagagli fa segnare un aumento di capacità di dieci decimetri cubi, salendo a quota 460 litri. Oltre a sfoggiare nelle linee la sua sportività e la sua raffinatezza, la Serie 6 si dimostra dunque ancor più accogliente del passato, risultando adatta anche per i viaggi più lunghi.

LUSSUOSA E SICURA Per chi non si dovesse accontentare della già raffinatissima qualità dell’abitacolo, la Serie 6 offre come optional finiture di estrema ricchezza, come i rivestimenti in nappa o i tasti del climatizzatore e dell’impianto audio in ceramica. Gli amanti del relax apprezzeranno invece i sedili ventilati e massaggianti, oltre al sistema Park Assist e alla telecamera posteriore, che annulleranno totalmente lo stress del parcheggio. Senza fine anche la lista degli optional volti ad aumentare la sicurezza nella guida: dai fari a LED per una maggiore visibilità alle quattro ruote sterzanti, per un ottimo controllo della vettura.

DOPPIO CUORE La Coupé bavarese verrà lanciata con due vigorosi motori a benzina e uno a gasolio. Il più “tranquillo” sarà il sei cilindri in linea a gasolio della 640d, tre litri da 313cv a 4400 giri (630Nm a 1500-2500 giri; 5,5sec nel 0-100; 5,5 l/100km, 145 gkm di CO2), seguito dal sei cilindri benzina della 640i: anch'esso di 3 litri da 320 CV a 5800-6000 giri (450Nm a 1300-4500giri; 7,8 l/100km; 181 gkm di CO2) che fa scattare la Coupé da 0 a 100 km/h in 5,4 secondi. La 650i monterà invece l’otto cilindri turbo di 4,4 litri di cilindrata che, con i suoi 407 cavalli a 5500 giri (600Nm a 1750-4500giri; 10,5 l/100km; 245 gkm di CO2) nel 0-100 ferma il cronometro a 4.9 secondi. Identica invece la velocità di punta, autolimitata in entrambe le versioni a 250 km/h. Chi non dovesse accontentarsi di questi dati potrà comunque consolarsi con l’attesissima M6, che andrà presto a sostituire l’ormai pensionato modello attuale. Tutte hanno di serie il cambio automatico a otto rapporti, oltre ai sistemi dell'EfficientDynamics, incluso lo Start&Stop che portano incrementi di potenza ed efficienza in tutti i motori.

SUPERTECNOLOGICA Tra le novità anche la trazione integrale intelligente xDrive, per la prima volta sulla Serie 6, mentre l'assetto è stato sviluppato ex novo. A richiesta, può essere dotata di Integral Active Steering, Driving Dynamic Control, Dynamic Damper Control e Adaptive Drive. Prima vettura nel suo segmento a utilizzare i fari adattivi a LED, dispone anche del BMW Head-Up-Display di ultima generazione, dell'Active Cruise Control con funzione di Stop&Go, Lane Departure Warning, Lane Change Warning, telecamera di retromarcia, Surround View, Speed Limit Info, BMW Night Vision e Park Assistant. Chiudono i sedili areati e un impianto Bang & Olufsen High End Surround Sound System sviluppato appositamente per la Serie 6. 


TAGS: bmw serie 6 coupé Tutte le auto in arrivo nel 2011