Autore:
Luca Cereda

STRETCHING La Qashqai ha fatto un po' di stretching e adesso è pronta per la famiglia: più lunga, più alta, "+2". L'intento è di andare incontro a chi necessita di una terza fila di sedili senza metterlo di fronte a una drastica scelta di genere: suv o monovolume? Qashqai+2 nasce dunque come un ibrido a cavallo tra i due segmenti, una terza via che propone due posti in più della sorella più vecchia ma più piccola, con un vano di carico aumentato di 90 litri e un passo allungato di 13,5cm, senza rivoluzioni nel sottoscocca. In Europa, debutterà il prossimo ottobre.

PIU' POSTI PER TUTTI Sebbene i primi scatti dispensati dalla Casa mostrino solo l'involucro della "+2", qualche informazione sui contenutc'è già. La disposizione dei sedili segue lo schema 2-3-2, con quello centrale della seconda fila che sdoppia la propria funzione: sedile o ampio bracciolo multiuso, con uno scomparto nello schienale sufficiente a contenere un lettore musicale, una consolla portatile, eccetera.

PASSO DA GAZZELLA A sedili abbattuti si può godere di una capacità di carico superiore quella della vecchia Qashqai: complessivamente in 500 litri (90 in più di prima), con il vano bagagli più ampio di di 22,4 centimetri. Questa mini-rivoluzione degli interni ha costretto la crossover Nissan a riscrivere alcuni dei suoi connotati sulla carta d'identità. In lunghezza ora raggiunge i 4,526 metri (+21 cm sulla precedente); è cresciuta di quasi quattro centimetri in altezza (164 in totale) ed ha allungato la falcata come un centometrista nello sprint: il passo registra un +13 cm sulla versione a cinque posti, ora a 276,5 centimetri in totale.

TANTO VETRO Lo sviluppo strutturale della Qashqai+2 non poteva lasciare del tutto inalterati gli esterni. Le portiere anteriori e posteriori sono state ristilizzate conferendo ai finestrini una forma più squadrata, stessa sorte toccata ai posteriori, divenuti anche più lunghi. Per accomodare gli ospiti della terza fila in un ambiente più arioso, poi, i progettisti hanno ampliato i finestrini laterali e pure il lunotto si è fatto più largo. Con il tetto panoramico in vetro, fisso e maggiorato di 14 cm rispetto alla vecchia versione, ci si può dare all'astronomia oppure generare un eclisse, semplicemente togliendo o inserendo il parasole a comando. Barre al tetto e vetri privacy non sono più un'opzione, diventano di serie.

MOTORE ILLIBATO Non cambia nulla, invece, per quanto concerne la meccanica, fatta eccezione per un ovvio upgrade della taratura delle sospensioni e del sistema di servoassistenza: tra una modifica e un'aggiunta, alla fine c'è da fare i conti con 100 chili di ciccia in più. Le motorizzazioni ripropongono la doppia coppia della prima Qashqai: ci sono un 1.6 da 115 CV e un 2.0 da 140 CV a benzina, oppure un 1.5 dCi da 106 CV e un 2.0 dCi da 150 CV sul fronte diesel. Anche gli allestimenti restano gli stessi, senza modificare nemmeno le esotiche denominazioni: Visia, Acenta e Tekna.


TAGS: nissan qashqai +2